Stragi Parigi, Renzi: “Non è una guerra. L’Italia reagisca con saggezza”

renzi

 

“Sono molto prudente sulle parole. E’ evidente che l’attacco a Parigi e’ un attacco militare, io capisco chi utilizza la parola guerra ma io non la uso. Per me e’ una gigantesca aggressione alla nostra identita’”. Lo ha detto il premier Matteo Renzi alla presentazione di Origami.

“Il loro obiettivo e’ ucciderci – o si ‘accontentano’ di farci vivere come dicono loro, nel terrore” ha proseguito. Secondo il presidente del Consiglio, “serve una reazione nel medio e lungo periodo di tutta la comunita’ internazionale che – ha sostenuto – deve cercare di fare un accordo insieme”. Renzi ha osservato che nel caso dei terroristi che “vogliono la morte, sono loro stessi la bomba, ed e’ quindi piu’ difficile”.

Ma ha rivendicato il ruolo del nostro paese: “Dovremmo essere orgogliosi del lavoro dei nostri uomini in tanti teatri internazionali, talvolta lo facciamo senza dichiarazioni roboanti. L’Italia non si nasconde – ha proseguito – abbiamo bisogno di un nostro atteggiamento tipico, piu’ di soft power che di hard power”. “Penso, credo e spero che l’Italia possa reagire non con calma ma con saggezza, equilibrio e determinazione. Il mio impegno e’ di essere all’altezza della grandezza di questo paese” ha concluso. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -