Strage Parigi, identificato il 5° attentatore: era un sedicente “profugo siriano”

Il procuratore della Repubblica, citato da Le Monde, ha annunciato l’identificazione del quinto attentatore degli attacchi di venerdì a Parigi. Sarebbe suo il passaporto siriano ritrovato allo Stade de France dopo l’attentato.

Si tratterebbe quindi di Ahmad al Mohammad, nato il 10 settembre 1990 in Siria, nella città di Idlib. Le impronte digitali rilevate dagli investigatori francesi vicino allo stadio corrisponderebbero infatti a quelle prese dalle autorità elleniche nel corso di un controllo in Grecia lo scorso ottobre, quando era stato mostrato lo stesso passaporto.

terrorista-parigi-Ahmad-Al-Mohammad

Anche un altro attentatore morto nel corso degli attacchi di venerdì scorso a a Parigi è stato identificato: il suo nome è Samy, ma il suo cognome non viene ancora diffuso dalle autorità. Giovane di 28 anni, pare nato a Parigi, l’identikit di Samy ha portato alla perquisizione di stanotte a Bobigny, che sarebbe quindi legata direttamente agli attentati di Parigi. Le altre perquisizioni, invece, sono un giro di vite contro gli estremisti. Bobigny è alla periferia nord-orientale della capitale, non lontano dallo Stade de France.

I servizi di sicurezza belgi ritengono di avere individuato il regista degli attentati a Parigi: si tratterebbe, riferisce il sito di Rtl.be dei Abdelhamid Abaaud, considerato il cervello della cellula terroristica smantellata a Verviers all’inizio dell’anno Di origine marocchina, 28 anni, viveva a Molenbeek-Saint-Jean ed è irreperibile da mesi. Sarebbe lui il vero regista degli attacchi a Parigi, in diretto contatto con i kamikaze durante l’azione di venerdì sera.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -