Musulmani francesi si sentono vittime: “stiamo sopportando gli sguardi altrui”

 

 

I musulmani francesi si sentono doppiamente vittime del terrorismo che ha causato gli attentati di Parigi. Colpiti dall’accaduto come tutti i cittadini, si sentono chiamati in causa da chi chiede loro continuamente di dissociarsi dalle violenze.

Il rettore della Grande Moschea di Lione, Kamel Kabtane, osserva: “Siamo noi quelli che devono dare spiegazioni, giustificarsi e chiedere scusa per cose che non abbiamo fatto. Siamo noi che stiamo sopportando gli sguardi altrui. Ecco perché, oggi, assieme a tutte le persone religiose, dobbiamo essere forti e andare oltre.”

Nei primi tre mesi dell’anno, dopo gli attentati di gennaio, l’Osservatorio nazionale sull’Islamofobia registrò un’impennata del 281% delle aggressioni fisiche e verbali contro musulmani e moschee. euronews

parigi-bataclan1l’interno del Bataclan dopo la strage



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -