Arrestati per stupri e rapine, la polizia diffonde le foto: si cercano altre vittime

Roma – Stupri e rapine a prostitute, la polizia diffonde foto degli arrestati: si cercano altre vittime

tunisini-stupri

Accusati di violenza sessuale di gruppo e rapina aggravata in concorso, tre cittadini tunisini sono finiti in manette dopo una complessa indagine della polizia di Stato, che ora diffonde foto e dati anagrafici invitando eventuali altre vittime a recarsi in commissariato.

Partiti a seguito della denuncia sporta da tre donne, tutte dedite alla prostituzione in appartamento, gli accertamenti degli agenti del commissariato San Giovanni hanno consentito di stringere il cerchio intorno ai tre soggetti. Di vitale importanza le descrizioni dei malviventi fornite dalle vittime in sede di denuncia.

IL MODUS OPERANDI – Le rapine, messe a segno tutte con lo stesso modus operandi, prevedevano un contatto telefonico con le prostitute, con conseguente appuntamento dopo aver pattuito prestazioni sessuali a pagamento. Nel corso degli incontri però, il cliente si presentava con un complice e insieme le rapinavano dei soldi e le costringevano, minacciandolo con un coltello puntato alla gola, a rapporti sessuali non protetti.

L’APPELLO – Almeno tre le violenze accertate ma gli investigatori ritengono che la banda possa aver colpito in più occasioni confidando nel silenzio delle vittime. Accertamenti sono in corso per verificare se altre persone siano state vittime dello stesso reato. E a questo fine l’autorità Giudiziaria, ha autorizzato la divulgazione delle foto che ritraggono i tre arrestati, al fine di individuare altre eventuali donne, vittime dello stesso reato, invitate a rivolgersi agli investigatori del Commissariato San Giovanni, oppure possono contattare il numero 0670390251.

Identificati per Mohamed Abidi, Bilel Barhoumi e Othman Ramzi, rispettivamente di 25, 30 e 33 anni, ai tre, dopo l’individuazione, nella giornata di ieri è stato notificato il fermo di indiziato di delitto e ora sono rinchiusi nel carcere di Regina Coeli in attesa di essere processati.

romatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -