Isis – Tragedia a Parigi. E’ più di una guerra

Isis. Tragedia a Parigi. E’ più di una guerra. “La terapia” della violenza. L’olandese Pim Fortuyn provocò le ire di un imam dichiarandosi omosessuale. Anche Oriana Fallaci avevano previsto tutto questo orrore.

di Maria Cristina Giongo

parigiParigi. 13 novembre 2015. Evacuazione dei feriti sopravvissuti
al massacro nella dalla sala per concerti Bataclan, rivendicato dall’Isis. Foto AP

Sale il numero dei morti della carneficina di ieri sera, rivendicata dall’Isis, per colpire Parigi: un nuovo avvertimento a tutto il mondo che niente più li può fermare. Sono 128 quelli registrati sino ad ora; oltre a 237 feriti fra cui 80 gravi. Innocenti esseri umani che avevano deciso di trascorrere una serata, spesso con la famiglia, in un ristorante, ad un concerto, allo stadio. Ma per l’Isis l’essere umano non esiste. Esistono solo “gli infedeli” da punire. E nel peggior modo possibile. Come ha fatto uno degli attentatori guardando negli occhi una madre seduta al tavolo di un caffè con i suoi figli: prima ha sparato ai ragazzini, poi a lei.

Questa è la crudeltà del malvagio: prima di ucciderti ti faccio soffrire, costringendoti ad assistere alla morte di chi ami di più. Non possiamo neppure definirla guerra.
I nostri soldati partivano per il fronte con nel cuore la speranza di non dover mai sparare a nessuno per difendere la loro patria. Gli “addetti della setta Isis” vengono addestrati all’aggressione. Si tratta di una vera e propria “terapia della violenza”.

Giovedi sera è stato ucciso Mohammed Emwazi (28 anni), meglio conosciuto come Jihadi John, nato in Kuwait ma di cittadinanza britannica: tristemente noto per essere il tagliatore di teste più volte ripreso nei video di propaganda dell’Isis, intento al suo atroce “lavoro” di macellaio umano. Pare che una volta…questo giovane fosse di carattere mite, un ragazzino come tanti. Poi è passato all’Isis, ha cominciato a fumare hasj, a bere alcool, a “credere” ad un certo Allah da “onorare” con atti di furia distruttiva verso l’infedele.

wildersIl politico olandese Geert Wilders anni fa si è scagliato contro lo stato islamico e i migranti che entravano nei Paesi Bassi senza che venisse controllata la loro provenienza. La sua protesta, troppo estrema, non venne ascoltata; al contrario, fu processato per “aver seminato odio razzista”.

A proposito vi invito a leggere questo mio articolo che vi farà sicuramente riflettere. Da notare che è stato pubblicato dal quotidiano Il giornale il 30 agosto….2007. Cliccate qui.

Un altro politico e sociologo olandese, più pacato nell’espressione delle sue convinzioni anti islam, Pim Fortuyn, ammazzato il 6 maggio 2002, aveva predetto ciò che è accaduto ora (come leggerete nel link all’articolo citato qui sopra)

FortuynPim Fortuyn temeva l’intolleranza della comunità musulmana. Nel 2002, poco prima di morire, in un dibattito televisivo, Fortuyn provocò un religioso musulmano dichiarando la sua omosessualità. Alla fine l’imam esplose apostrofando Fortuyn con termini fortemente anti-omosessuali. Fortuyn con calma si girò verso la telecamera e, rivolgendosi direttamente ai telespettatori, disse loro che questo è il genere di cavallo di Troia dell’intolleranza che gli olandesi stanno accogliendo nella loro società nel nome del multiculturalismo”.

orianaInfine, ma non ultima, c’è stata (e purtroppo non c’è più ) la nostra Oriana Fallaci, che ha trascorso tutta la sua vita di donna e giornalista a combattere i soprusi di quella che lei definiva ”la cultura della non cultura”. Anche lei aveva predetto tutto, persino che ci sarebbe stato un grave attentato a Parigi, perchè l’islam odia la Francia. Ricordate il suo libro, che vi invito a leggere e rileggere, ”La rabbia e l’orgoglio”?

Sono anni che assistiamo all’orrore di uomini ma anche donne e “bambini bomba”, costretti a farsi saltare in aria provocando la morte di altri innocenti. Per amore di un’ “entità” che neanche capiscono e per la cattiveria degli adulti. Soltanto pochi giorni fa si è consumata la tragedia dell’ attentato all’aereo russo che sorvolava il Sinai, in Egitto; sulla terra sono rimasti i resti di quelle povere creature che desideravano solo godersi una sicuramente meritata vacanza.

Ora la nuova, puntuale “vendetta” attuata proprio e ancora a Parigi, rivendicata dall’Isis, che si definisce stato islamico e che come tale vuole impossessarsi del mondo intero. Abbiamo visto altri cadaveri per terra, davanti allo stadio dove si teneva la partita di calcio Francia-Germania, nel Caffè Le Carillon, al ristorante Le petit Cambodge, all’interno della sala per concerti Bataclan.
I malvagi sono entrati armati di kalasjnikovs nella sala dove si teneva un concerto del gruppo rock Eagles of Death Metal e hanno sparato a raffica contro i giovani presenti, caricando le loro armi per ben tre volte.

E’ ora che si fermi questa guerra che non ha nulla a che vedere con la religione, con i “veri” musulmani che al contrario credono nella pace; ma soltanto con gruppi di criminali, pazzi assassini, che vogliono colonizzare il mondo seminando morte e distruzione. Non dimentichiamo che adesso stanno marciando su Roma. E questa volta, scusate la parola, “sareste dei coglioni” griderebbero (forse) Pim Fortuyn e di sicuro Oriana Fallaci, continuando a sottovalutare le loro minacce. A chi sostiene che la colpa sia di chi bombarda i Paesi islamici, a chi vende loro le armi rispondo che pure questo è orrendo, considerato che serve solo a provocare altri morti spesso innocenti. Tuttavia anche rimanere inerti in attesa di altre stragi è un errore mortale.

cofanettomagico.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -