Attentati Parigi, Polonia: Dopo gli attacchi è impossibile accogliere “profughi”

strage-parigi

 

Dolo gli attentati di Parigi, la Polonia si è detta pronta a non rispettare gli accordi europei sulla ricollocazione dei migranti. Secondo Konrad Szymanski, futuro ministro degli Affari europei del governo conservatore che si accinge a insediarsi a Varsavia, gli attacchi terroristici sono “direttamente” collegati al contesto della crisi dell’immigrazione e sottolineano la necessità di “rivedere la politica di immigrazione europea”.

“Le decisioni, da noi criticate, del Consiglio d’Europa sul ricollocamento dei rifugiati e degli immigrati in tutti i Paesi dell’Ue – ha dichiarato Szymanski – hanno ancora la forza di legge, ma dopo i tragici avvenimenti di Parigi non vediamo la possibilità politica di poterle rispettare”.

“La Polonia – ha aggiunto – deve mantenere il completo controllo delle proprie frontiere, così come della propria politica di immigrazione ed asilo”. Varsavia, quindi, accetterà gli immigrati “solo se vi saranno le condizioni di sicurezza”. Ancora più duro è stato il futuroministro degli Esteri, Witold Waszcykowski, secondo il quale “occorre ormai affrontare in modo differente la comunità musulmana che vive in Europa e che odia questo continente, che vuole distruggere”: la politica di accoglienza europea – promossa a suo parere dai partiti di sinistra – è “senza uscita”.



   

 

 

1 Commento per “Attentati Parigi, Polonia: Dopo gli attacchi è impossibile accogliere “profughi””

  1. In Polonia c’è un governo-democraticamente eletto e perfettamente legittimo-che fa gli interessi del popolo e della nazione;purtroppo da noi la cosa è completamente diversa.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -