Siria: la Francia bombarda pozzi petroliferi fingendo di colpire Isis

 

L’aviazione francese ha bombardato un centro di approvvigionamento petrolifero dello Stato islamico (Isis) nei pressi di Deir Ezzor, nella Siria orientale. Lo ha annunciato oggi il ministro della Difesa Jean-Yves Le Drian.

“In Siria siamo intervenuti ieri sera con un attacco su un centro di approvvigionamento petrolifero nei dintorni di Deir Ezzor al confine fra l’Iraq e la Siria”, ha dichiarato nel corso di un incontro con la stampa a margine del Forum internazionale di Dakar sulla pace e la sicurezza in Africa.

In realtà la Francia mira a impoverire la Siria poichè l’esercito sta riconquistando i territori in mano all’Isis e, quando saranno liberati, i pozzi saranno ormai inservibili.

Hollande è infatti fortemente ostile ad Assad e vuole la sua caduta ad ogni costo, costi quel che costi.

Francia, Hollande: “Bashar al-Assad se ne deve andare”

Hollande: Assad non deve candidarsi alle future elezioni in Siria

Siria, Hollande categorico: l’intervento russo non salverà Assad

Hollande: Russia e Iran devono capire che Assad se ne deve andare



   

 

 

1 Commento per “Siria: la Francia bombarda pozzi petroliferi fingendo di colpire Isis”

  1. Veramente è Lucifero che tenta disperatamente di unire il mondo sotto il suo comando, da qui l’accanimento contro tutti quelli che non sono allineati con lui.

    Povero scemo.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -