Siria: la Francia bombarda pozzi petroliferi fingendo di colpire Isis

 

L’aviazione francese ha bombardato un centro di approvvigionamento petrolifero dello Stato islamico (Isis) nei pressi di Deir Ezzor, nella Siria orientale. Lo ha annunciato oggi il ministro della Difesa Jean-Yves Le Drian.

“In Siria siamo intervenuti ieri sera con un attacco su un centro di approvvigionamento petrolifero nei dintorni di Deir Ezzor al confine fra l’Iraq e la Siria”, ha dichiarato nel corso di un incontro con la stampa a margine del Forum internazionale di Dakar sulla pace e la sicurezza in Africa.

In realtà la Francia mira a impoverire la Siria poichè l’esercito sta riconquistando i territori in mano all’Isis e, quando saranno liberati, i pozzi saranno ormai inservibili.

Hollande è infatti fortemente ostile ad Assad e vuole la sua caduta ad ogni costo, costi quel che costi.

Francia, Hollande: “Bashar al-Assad se ne deve andare”

Hollande: Assad non deve candidarsi alle future elezioni in Siria

Siria, Hollande categorico: l’intervento russo non salverà Assad

Hollande: Russia e Iran devono capire che Assad se ne deve andare



   

 

 

1 Commento per “Siria: la Francia bombarda pozzi petroliferi fingendo di colpire Isis”

  1. Veramente è Lucifero che tenta disperatamente di unire il mondo sotto il suo comando, da qui l’accanimento contro tutti quelli che non sono allineati con lui.

    Povero scemo.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -