Travolge e uccide un ciclista, il 17enne Rom è già tornato a casa

Poco dopo essere stato arrestato, il pirata della strada, che avrebbe anche un precedente per guida senza patente, è stato affidato alla custodia della famiglia a Treviso.

pirata-rom

Si e’ costituito in una stazione dei Carabinieri di Treviso il pirata della strada che ieri in auto aveva investito e ucciso un ciclista di 52 anni, in zona Casilina a Roma, dandosi successivamente alla fuga. A quanto rende noto la Polizia locale della capitale, l’intensa attivita’ portata avanti in due giorni da parte dei vigili ha indotto il responsabile dell’investimento mortale di ieri a costituirsi presso la stazione dei carabinieri di Treviso, luogo che aveva raggiunto nella sua fuga notturna dalla capitale. Contrariamente all’eta’ riportata di 30 anni, inizialmente ricavata dalle descrizioni dei testimoni oculari ricavate dai vigili impegnati, l’uomo, R.L., e’ nato nel 1998, ha una moglie anch’essa minore con la quale ha avuto un figlio.

La sua fuga e’ terminata dopo che il grosso spiegamento di forze, sia della Polizia Locale di Roma che di quella di Treviso, avevano costantemente tenuto d’occhio tutti i siti legati al ricercato: parenti, amici e frequentazioni sia della capitale che della cittadina veneta. L’atto di costituirsi era stato preannunciato poco prima da alcuni parenti che si erano recati presso il gruppo di Sicurezza pubblica emergenziale, nel quartiere Ponte di Nona a Roma.

Poco dopo essere stato arrestato, il pirata della strada, che avrebbe anche un precedente per guida senza patente, è stato affidato alla custodia della famiglia a Treviso.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -