Congolesi manifestano per padre Gratien, in carcere per omicidio

 

Manifestazione questa mattina davanti al carcere di Arezzo di un gruppo di congolesi per chiedere la scarcerazione di padre Gratien Alabi, in carcere dal 23 aprile nell’ambito delle indagini sul caso Piscaglia, la donna scomparsa un anno e mezzo fa da Ca Raffaello nell’aretino.

Il gruppo, composto da una ventina di persone tutti cattolici ma altre erano in arrivo da Roma, ha chiesto “giustizia e libertà” per il religioso attraverso cori, slogan e striscioni.

Guerrina-Piscaglia-padre-Graziano

Omicidio Guerrina Piscaglia, arrestato il frate congolese

Padre Gratien Alabi, indagato per la scomparsa di Guerrina Piscaglia, della quale non si ha più traccia da oltre un anno è stato arrestato in aprile a Roma per essere trasferito a Arezzo a disposizione del pm Marco Dioni che indaga sulla scomparsa della donna da Ca Raffaello, frazione di Badia Tedalda (Arezzo). L’imputazione del religioso è cambiata da fovoreggiamento a omicidio e occultamento di cadavere.

padre-graziano

Prima di scomparire, il primo maggio 2014, dalla frazione di Badia Prataglia, nell’Aretino, Guerrina avrebbe confessato a padre Gratien Alabi di essere incinta, dicendo al frate che proprio lui era il padre del bimbo.

Foto porno di suore nel Pc del prete congolese indagato per la scomparsa di una donna

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -