Birmania domani alle urne, attesa la vittoria di Aung San Suu Kyi

 

C’è grande attesa a Myanmar per le elezioni legislative che domani potrebbero portare al potere Aung San Suu Kyi dopo decenni di lotte per la democrazia contro l’autoritarismo dei militari.

Freedom of Film Festival

La Lega nazionale per la democrazia, guidata dal premio Nobel per la pace, punta a una vittoria che i sondaggi danno per probabile. Per la figlia del fondatore della Birmania indipendente si tratterebbe di un deja-vu: già nel 1990 aveva vinto le elezioni, ma la giunta militare aveva ignorato il voto e iniziato una persecuzione che ha portato la leader democratica educata in Gran Bretagna ad accumulare 15 anni di detenzione. Poi, nel 2011, i militari hanno ceduto il potere a un governo parzialmente civile guidato dall’ex generale Thein Sein, attuale presidente, che ha effettuato alcune riforme e ha liberato molti dei prigionieri politici. Questo ha portato al voto di questo weekend, che viene considerato da molti un punto di svolta.

Tuttavia sul futuro di Myanmar permangono ancora pesanti punti interrogativi. I militari non sono stati del tutto allontanati dal potere e, anzi, gli stati maggiori mantengono il potere di nominare un quarto del Parlamento, in base a una riforma costituzionale del 2008 che impedisce ad Aung San Suu Kyi di assumere la presidenza perché ha avuto un coniuge e ha due figli con cittadinanza straniera, britannica per la precisione. Tanto che ieri la leader ha chiarito, spavaldamente, che il presidente sarà un altro, ma lei sarà “sopra il presidente”. askanews



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -