Migranti, Germania: accordo per espulsioni rapide

 

La Germania si avvicina a passo spedito al milione di immigrati da gennaio: più di 180.000 persone nel solo mese di ottobre.
Un mese nel quale la Cancelliera, Angela Merkel, ha perso cinque punti nei sondaggi sulla popolarità, conseguenza anche dei dissensi in seno al governo sulla gestione dell’emergenza.

In questo senso potrebbe aiutare l’accordo raggiunto ieri sera per accelerare le espulsioni dei migranti economici. È il governatore della Baviera, Horst Seehofer, a parlare di nuovi centri di permanenza temporanea: una settimana per valutare le richieste d’asilo, due per i ricorsi. Poi, espulsioni rapide per chi non viene da zone di conflitto.

I tre leader della coalizione di governo – Angela Merkel e il vice-cancelliere Sigmar Gabriel, oltre a Seehofer – oltre che di espulsioni hanno discusso anche di integrazione.

“Il punto principale, il primo obiettivo per noi – ha detto Angela Merkel – è l’integrazione di quelli che hanno una prospettiva di permanenza in Germania. Nel processo d’integrazione, intendiamo puntare sulla conoscenza e la condivisione dei nostri valori e del nostro sistema legale. Vogliamo mostrare che la Germania è un Paese aperto con una Costituzione di cui siamo fieri e che gode di buona reputazione nel mondo”.

Non saranno più di cinque i centri nei quali confluiranno, con obbligo di residenza, i migranti non provenienti da zone di guerra, che hanno quindi probabilità molto limitate di ottenere l’asilo: forse ancor più limitate dall’esigenza della rapidità nella valutazione delle domande individuali, in presenza di numeri sempre più imponenti. euronews



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -