Investe e uccide un ciclista a Roma: ricercato uno slavo

Caccia al pirata della strada che ha ucciso Luciano Zarlenga. Diffusa la foto

rom-pirata-strada

Caccia aperta al pirata della strada che nel pomeriggio di ieri, 5 novembre, ha investito e ucciso Luciano Zarlenga. I vigili del gruppo SPE del Comandante Antonio Di Maggio e quelli del VI gruppo Torri del Comandante Moretti sono sulle tracce di un giovane di etnia slava, L.C. le sue iniziali. In possesso dei vigili una foto, diramata alla stampa su autorizzazione del pubblico ministero Pierluigi Cipolla. Un uomo a cui si è giunti dopo una serata convulsa, fatta di testimoni, intense ricerche e anche momenti di tensioni. Anche ora, nella mattinata del 6 novembre, nella zona di Colle Mattia Borgata Finocchio è in atto un vero e proprio assedio. Qui si nasconderebbe il giovane investitore.

L’INCIDENTE DI IERI – Luciano Zarlenga sta scendendo da Monte Compatri e percorre via Fontana Candida. In un tratto in discesa viene centrato da un’utilitaria nera. Zarlenga viene sbalzato in aria e finisce sull’asfalto. Gravissime le lesioni riportate. Sul posto arriva un’ambulanza e un elicottero. I soccorsi però sono inutili. L’uomo, originario di Frascati, muore sul posto. Il benzinaio italiano lascia moglie e due figlie di 14 e 19 anni.

Nel frattempo il conducente dell’auto si da alla fuga. Testimoni riferiscono di una Yaris Nera. Altri di una Honda Jazz. La seconda indicazione sarà poi quella giusta.

L’Honda Jazz è in dotazione ad un giovane di etnia slava le cui iniziali sono L.C.. Si è riusciti a risalire a lui attraverso la rete di informatori che il gruppo Sicurezza Pubblica ed Emergenziale ha nel tempo costruito tra i rom del territorio del VI municipio.

Nel suo appartamento è però irreperibile. Di fatto è un fuggitivo. Su autorizzazione pubblico ministero Pierluigi Cipolla i vigili hanno deciso di diffondere la foto.

romatoday.it



   

 

 

1 Commento per “Investe e uccide un ciclista a Roma: ricercato uno slavo”

  1. Bisogna cercare di comprendere le ragioni vere dietro la fumosità delle leggi
    e la loro interpretazione sempre e comunque in danno delle persone oneste,
    degli inermi cittadini.
    Davvero, scorrendo non solo il codice penale, ma anche il codice civile si
    trova in ogni riga una norma a vantaggio del furbo, del criminale, del
    villano, come direbbero, con accezione originale, gli anglosassoni.

    In primo luogo il potere, specie negli Stati più corrotti, ha motivo di
    tenere occupato il popolo nel terrore su due fronti: l’attacco da parte di
    altri sudditi e quello da parte dello Stato. In altre parole dietro l’ordine
    “scannatevi tra voi, noi non interveniamo, e se interveniamo lo facciamo per
    tenervi mentre i delinquenti vi pestano”, si cela la difesa di una casta
    anch’essa delinquenziale, che poi recupera soldi, valori ed utilità in
    combutta con gli stessi delinquenti. E’ il caso del famoso clan di Roma,
    zingari che comandano i politici e le forze dell’ordine, e guarda caso mangiano
    sui campi rom insieme ai sui citati. Tutto questo mentre persone che hanno la
    sfortuna di camminare per strada o prendere l’autobus sono derubate, uccise,
    stuprate, con la giustizia negata dagli stessi giudici che invece trovano il
    pretesto, il cavillo, l’appiglio, la pagliuzza nell’occhio del citttadino se
    questi solo osa lamentarsi una volta o peggio reagire.

    Come dimenticare la donna Filippina travolta e uccisa a Roma, e, a proposito
    di lamentele e terra bruciata, lo sfogo sacrosanto della donna figlia dei due
    pensionati catanesi torturati e trucidati nella loro villetta? I giornali di
    regime l’hanno prima dipinta come una pazza, poi hanno tagliato le
    comunicazioni. Ci mancava solo, e sono sicuro che qualche intraprendente
    imbecille politico o giudice l’ha gia’ fatto, che la denunciassero per
    istigazione a delinquere. E’ scomparsa dai radar, questo e’ certo.

    L’altro aspetto inquietante che mi preme sottolineare è che in un paese
    corrotto come l’itaGlia, non è impensabile, soprattutto alla luce delle
    recenti sentenze, immaginare uno scenario come il seguente: quando un
    cittadino lascia a terra un rapinatore da cui si è difeso, viene ovviamente
    interessato un legale che conosceva il delinquente, oppure uno d’ufficio. In
    entrambi i casi questi legali (di cui l’itaGlia ha una triste eccedenza e che
    deve pure far lavorare, con leggi fumose, contraddittorie e variamente
    interpretabili) hanno la classica manna che cade dal cielo: possono chiedere
    risarcimenti milionari in nome di leggi criminali varate sotto l’ipocrita
    influenza cattolica, leggi che dicono che è sacra la vita di chiunque,
    indipendentemente dagli atti che commette (purché contro gli “inferiori”).
    A quel punto non è illecito pensare, anzi sarebbe da ingenui pensare il
    contrario, che scatti il seguente meccanismo: io avvocato propongo al giudice
    di dividere in tre parti uguali il bottino, un terzo a me, un terzo all’idiota
    che, credendo di essere furbo e fare la furbata diventa di fatto un mio
    dipendente (sto parlando del delinquente), ed un terzo al giudice, corrotto
    come chiunque in itaGlia sia appena al di sopra della qualifica di bracciante,
    operaio, contadino o impiegato.

    E’ questo il segreto per capire perché tante forze politiche, in esse
    includendo anche la chiesa, una delle più antiche forze politiche a
    delinquere, stia sempre dalla parte di Caino, di Barabba, e del villano in
    generale. Sono essi i notri nemici, i nemici del popolo: i politici, i
    magistrati, il clero, ed anche le forze dell’ordine ed i serizi di sicurezza,
    così solerti nello spiare noi, così inerti nel trovare narcotrafficanti,
    mafiosi, criminali.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -