“Bologna comunista meticcia e anti-razzista”, pronte le molotov contro Salvini

Quando gli antagonisti di sinistra parlano di “democrazia”, hanno in mente qualcosa di preciso: un principio la cui definizione (l’abito) è però ben diversa dalla sostanza (il monaco).

centri-sociali-salvini

Se tra le colonne di uno Stato democratico campeggiano infatti la libertà di pensiero ed espressione, nella loro definizione tutta particolare questo principio vale solo in alcuni casi. Anzi: non si applica a chi è solito votare con la mano destra. Figuriamoci se è leghista, scrive Giuseppe De Lorenzo sul giornale

Per questo la manifestazione di domenica a Bologna con Salvini, la Meloni e Berlusconi sta diventando una sorta di incubo per i centri sociali emiliani. Pur di vietare il diritto di parola “alle destre xenofobe e sessiste”, son pronti a tutto. Sui social sono comparse diverse minacce. “L’8 novembre vi voglio tutti carichi – si legge nei gruppi Facebook dell’Università bolognese – preparatevi ad un livello di ignoranza e violenza totale. Preparate molotov e fumogeni che domenica si spezzano le reni a qualcuno”. Le vie della città sono imbrattate da insulti contro la Lega e immagini stilizzate di Salvini barrate dal segno di divieto.

Centri sociali, collettivi studenteschi e “anti-leghisti” si troveranno intorno alle 10 di domenica in due punti della città. Forse nella speranza di “accerchiare” in qualche modo il raduno in piazza Maggiore. Un altro gruppetto di manifestanti infine potrebbe partire dal centro sociale Xm della Bolognina, non molto distante dal luogo del “concentramento”.

C’è da preoccuparsi? La prudenza non è mai troppa. Non si prevedono disastri come a Milano in occasione dell’apertura dell’Expo2015, ma le attenzioni della polizia sono rivolte agli anarchici e antagonisti. Per difendere la “Bologna meticcia e anti-razzista” scenderanno in piazza tutti i centri sociali e i collettivi studenteschi.

Le molotov, affermano, sono pronte. “Non esiste un solo modo per sbarrare il passo a questo nuovo blocco reazionario – si legge nel comunicato – esiste però un solo modo di pensare lo scontro, che sia radicale, senza mediazioni né deleghe ed è per questo che non dobbiamo aspettarci concessioni né indulgenze da chi difende i fascisti”.

“Bulaggna ‘an vòl brisa”, Bolgna non vuole le destre. Ed è pronta a farlo capire anche con le cattive: “Salvini ripensi a cosa è successo al campo rom un anno esatto fa”, affermano i due studenti ricordando l’assalto all’auto del leghista come una vittoria, come l’affermazione del “loro” modo di far democrazia: aggressione contro chi la pensa diversamente.

Non è un caso che la contro-manifestazione partirà da “via Stalingrado”, città simbolo dell’Unione Sovietica del partito solo al comando. Trasposizione figurata dell’ostracismo del pensiero unico: per la destra non può esserci libertà d’espressione. Alla destra vanno riservate le molotov.



   

 

 

2 Commenti per ““Bologna comunista meticcia e anti-razzista”, pronte le molotov contro Salvini”

  1. Democrazia,libertà,tolleranza e senso civico hanno sempre contraddistinto certa sinistra;ma ovviamente questi valori sono validi solo per chi la pensa come loro;per gli altri,molotov,spranghe e violenza.

  2. La guerra civile in Italia non è mai finita e con i comunisti al potere, sarà necessaria una nuova Resistenza, ma al contrario. I comunisti sono molto peggio dei fascisti.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -