Bergamo antifascista, petizione per togliere la cittadinanza a Mussolini

 

Era il 24 maggio del 1924 quando, a Bergamo, per omaggiare la memoria della Prima guerra mondiale e i suoi caduti, fu concessa la cittadinanza onoraria al Presidente del Consiglio dei ministri del Regno d’Italia e Duce del Fascismo, Benito Mussolini.

Ora, una petizione lanciata sul sito dell’istituto bergamasco per la storia della resistenza e dell’età contemporanea chiede al Comune della città di “adoperarsi per revocare la cittadinanza onoraria”.

L’organizzazione, insieme ad alcune associazioni cittadine, vuole “raccogliere, condividere pubblicamente e far emergere l’insofferenza espressa in questi ultimi mesi in diversi ambienti giovanili e farlo proprio nella memoria dei caduti della Prima guerra mondiale su cui il fascismo aveva radicato la sua ideologia nazionalistica. Chiedere la revoca della cittadinanza onoraria di Bergamo a Mussolini non è un atto di revisionismo storico, ma di memoria attiva in cui si esprime la volontà di ridire insieme ai giovani di Bergamo che il nostro paese è antifascista e che non c’è posto tra i suoi cittadini onorari per i dittatori“. il giornale



   

 

 

3 Commenti per “Bergamo antifascista, petizione per togliere la cittadinanza a Mussolini”

  1. Premetto che non sono Fascista, e non ho mai votato x i fascisti, questa storia di togliere la cittadinanza onoraria di Bergamo a Mussolini mi sembra strana questo annuncio viene dopo che il PD con un deputato del PD aveva fatto un proclama di togliere da tutte le parti i cimeli di Mussolini anche la Boldrini in precedenza aveva chiesto di togliere non ricordo cosa se era una statua a Roma , ame personalmente non da fastidio anche perché sono passati tantissimi anni e in più vorrei dire a questi signori del PD che li Ho votato per oltre 50 anni e ci ho messo un pò di tempo per capire di che pasta sono fatti ma x mia fortuna meglio tardi che mai, quindi si dovrebbe anche togliere tutte le opere fatte da Mussolini, le Strade, le Scuole, le Colonie Marine per bambini malati, Stazioni Ferroviarie e tantissime altre cose che non sto a elencare, io sarei d’accordo quanto le persone sono serie, ossia togliamo le strade, facciamo cadere tutte le scuole, ecc fatte da Mussolini ed io sono d’accordo altrimenti sono tutte cazzate dette dal PD compreso i loro sostenitori Ixxxxi x dare fiato perché non sanno cosa dire basta vedere Roma Capitale e la dice tutta.

  2. La dittatura, d’oggi deve essere solo quella comunista che sta distruggendo la storia e l’identità italiana. Il nuovo fascismo è il comunismo. Sono riusciti ad assumere il potere e non lo vogliono più lasciare ed ora hanno la pretesa di cancellare la storia che li ha preceduti. Nei paesi dove c’erano i comunisti, i capi del partito stavano bene, mentre il popolo viveva nella miseria. In Italia il comunismo è arrivato in ritardo, ma sta utilizzando lo stesso metodo, per derubare il popolo e permettere al politico di vivere da re. I politici comunisti sono i più ladri e corrotti a tutti i livelli amministrativi, si sono infiltrati in tutte le istituzioni con i metodi della mafia, sfruttando e ricattano le aziende per ogni tipo d’appalto. I dittatori, a modo loro sono tutti criminali, di qualunque colore essi sono, ma quelli d’oggi, sono molto peggio, del Duce romagnolo che nonostante tutto, se andiamo a vedere, ha fatto anche delle cose utili per il popolo, ma non vogliono che la gente lo sappia. La storia che insegnano a scuola è quella comunista che vuole la gente povera, sottomessa e ignorante, per permettere al politico comunista di vivere da Re e la gente non si svegli. In Italia, hanno cacciato un Re per avere tanti altri re che sfruttano e derubano il popolo.

  3. theng uh salam

    Giusto ! Leviamo anche la cittadinanza onoraria a tale Cesare Giulio ed anche a Carlo Magno !

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -