Milano, contraffazione internazionale di documenti: arrestato kosovaro

 

documenti-falsiUn ‘collettore’ di documenti contraffatti è stato scoperto, a Milano, dai carabinieri. Un kosovaro di 54 anni, è stato arrestato alle 22 di ieri, mercoledì 4, in zona Comasina, nel corso di un regolare controllo del territorio, da cui è però emerso un giro internazionale di furti e vendita di carte di identità, patenti e passaporti falsi.

L’uomo dovrà ora rispondere dei reati di ricettazione di carte di identità e contraffazione delle stesse: si tratterebbe di un intermediario tra il ladro borseggiatore di documenti e l’acquirente utilizzatore finale.

I documenti, che ha detto di aver trovato nei cassonetti della spazzatura in cui spesso rovista, provengono infatti da commissariati situati vicino alle stazioni ferroviarie di varie regioni d’Italia. I militari lo hanno notato mentre si aggirava con atteggiamento sospetto. Appena si sono avvicinati, il 54enne ha gettato a terra due carte di identità parzialmente compilate: rubate in bianco, provengono una da Confelice (Frosinone), e l’altra da Ottaviano (Napoli).  (LaPresse)



   

 

 

1 Commento per “Milano, contraffazione internazionale di documenti: arrestato kosovaro”

  1. NON VALE LA PENA FARE UN COMMENTO. – QUANDO IL FIGLIO DI UN POLITICO , HA OCCUPATO LE CRONACHE DI AVER ACQUISTATO IL TITOLO PROFESSIONALE IN GRECIA COSA VI VOLETE ASPETTARE DA QUESTI POLITICI.? … FARANNO LA SOLITA LEGGE E TUTTO RESTA COME PRIMA.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -