Migranti, Tsipras: identificazione e ricollocamenti inizino sulle coste turche

“La Grecia non è il punto di ingresso sulla rotta” dei profughi dalla Siria verso l’Ue. Il cancello è la Turchia, il nostro vicino“. E “l’obiettivo è passare dai ricollocamenti ai reinsediamenti”, così il premier greco Alexis Tsipras alla cerimonia per i primi ricollocamenti dalla Grecia di trenta profughi. “La soluzione meno pericolosa” per i profughi e “più efficace” prevede la cooperazione Ue-Turchia, “in modo che tutto il processo di identificazione e ricollocamenti inizi sulle coste turche”.

tsipras-erdogan

Parlando della partenza dei primi trenta tra profughi iracheni e siriani Tsipras afferma: “Questo è solo l’inizio, è una goccia nell’oceano, ma vogliamo che questa goccia diventi un ruscello e un fiume di responsabilità e solidarietà condivisa. Questo è un processo che deve essere accelerato”.

I primi 30 rifugiati destinati ad essere ricollocati dalla Grecia si sono imbarcati ad Atene su un aereo diretto a Lussemburgo. La partenza delle sei famiglie siriane e irachene segna l’inizio del programma di ricollocamento in Ue dei profughi arrivati in Grecia dalla vicina Turchia.

Alla partenza dei profughi da Atene, avvenuta in grande risalto mediatico e propagandistico,  hanno partecipato il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz, il commissario Ue all’Immigrazione Dimitris Avramopoulos e il ministro degli Esteri lussemburghese Jean Asselborn (presidenza di turno del Consiglio Ue).



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -