Islamizzazione a Torino: sala di preghiera musulmana all’aeroporto di Caselle

 

E’ la prima sala di preghiera musulmana allestita in un aeroporto italiano e una delle poche in tutta Europa. Ha fatto capolino allo scalo Sandro Pertini di Caselle così come era già stato annunciato lo scorso 25 settembre in occasione della presentazione del volo dal capoluogo piemontese a Casablanca, collegamento che è iniziato ufficialmente nella giornata di ieri.

“Un ulteriore segnale di attenzione e di integrazione”, ha detto Roberto Barbieri, amministratore delegato di Sagat, la società che gestisce lo scalo di Caselle, caldeggiato anche dal sindaco di Torino Piero Fassino secondo cui “è giusto offrire questa possibilità come viene fatto in tutti i grandi scali internazionali”.

La sala preghiera, su consiglio dell’Università di Torino e della comunità musulmana, è stata allestita con tappeti, copie del Corano, quadro de La Mecca e orologio con gli orari della preghiera a Torino. E’ situata prima dei controlli di sicurezza al livello delle partenze e rispetta gli stessi orari di apertura e chiusura dell’aeroporto (dalle 5.00 alle 24.00).

torinotoday.it



   

 

 

3 Commenti per “Islamizzazione a Torino: sala di preghiera musulmana all’aeroporto di Caselle”

  1. Io manderei chi gli fa fare quello che vogliono ai musulmani, che andassero a fare una preghiera nei loro paesi e dopo che ci saranno andati vediamo come tornano e c’osa diranno, che fine di merda ha dovuto sopportare questo paese? io mi ci giocherei le palle, se potrebbero risorgere i nostri nonni che hanno combattuto e chi ci hanno anche rimesso la pelle per questi CxxxxxxI che amministrano e chi li votano per amministrare questa nazione ormai alla dittatura.

  2. Ma Torino è in Italia? Incomincio ad avere seri dubbi al riguardo

  3. Gli stati europei vengono occupati da stranieri che impongono le loro usanze e gradatamente saranno sottomessi e dovranno sottostare alle leggi dello straniero. I comunisti sono prepotenti con gli italiani e remissivi con gli stranieri.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -