Migranti, l’Austria introduce l’asilo a tempo: solo tre anni

 

L’Austria introduce l’asilo a tempo. Per contrastare il flusso di migranti, la Grosse Koalition austriaca ha deciso di inasprire le regole del diritto d’asilo e ha trovato l’accordo per garantire, a partire dal 15 novembre, asilo soltanto per tre anni. Lo ha comunicato il ministero dell’Interno di Vienna. Alla scadenza, il permesso di restare in Austria decadrà automaticamente. Una nuova verifica stabilirà se sussistano ancora i motivi per accordare un prolungamento dell’asilo.

Le nuove regole sull’asilo verranno approvate a dicembre, ma la loro validità sarà retroattiva al 15 novembre, ha aggiunto in una nota il ministro dell’Interno Johanna Mikl-Leitner. Altre misure di inasprimento dell’accoglienza contemplate dal ministero dell’Interno austriaco riguardano i ricongiungimenti.

I migranti cui non viene riconosciuto il diritto d’asilo ma solo la cosiddetta ‘tutela sussidiaria’, dovranno attendere 3 anni prima di poter portare i propri familiari in Austria. Finora l’attesa durava soltanto un anno. Si tratta di una misura che toccherà soprattutto i migranti afghani, ai quali viene spesso riconosciuta la ‘tutela sussidiaria’, una sorta di asilo in versione light. Si tratta di migranti i cui casi non rientrano all’interno dei criteri dello status dei rifugiati riconosciuto dalla convenzione di Ginevra, ma per i quali sussistono reali pericoli in caso di rientro in patria (pena di morte, tortura, violenze). Oltre al prolungamento del tempo dei ricongiungimenti, a questa categoria di migranti saranno richieste alcune credenziali economiche, come vivere in un’abitazione sufficientemente grande per ospitare il nucleo familiare. (ANSA).



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -