Crisi, chiude la Metro di Marghera: 80 lavoratori licenziati

 

Vendite in calo, la Metro di Marghera chiude dopo 36 anni di attività e lascia tutti a casa. La comunicazione, totalmente inaspettata, arriva martedì mattina e non lascia possibilità di appello.

metro-marghera

Dal 19 gennaio quasi 80 lavoratori perdono il posto, tra dipendenti diretti e addetti degli appalti che si occupano di mensa, pulizie e spedizioni. Una decisione a sorpresa, annunciata ai dipendenti mentre i rappresentanti sindacali erano a Roma per discutere del nuovo contratto integrativo con Cash&Carry, gruppo di cui Metro fa parte.

I sindacati, spiazzati, attaccano il comportamento scorretto dell’azienda: “Qualche avvisaglia l’abbiamo avuta solo stamattina – spiega Roberto Cappellieri della Filcams Cgil di Venezia – quando tutti i lavoratori, compresi quelli che erano a casa, sono stati convocati in azienda per una comunicazione. Questo è un momento drammatico per una realtà storica, che opera dal 1979″. Dal gruppo spiegano che è stato fatto il possibile per risollevare le sorti del punto vendita, ma il mercato veneziano semplicemente non risponde. In questi mesi, a fronte del calo delle vendite, l’azienda ha già riconvertito la Metro di Padova che è stata trasformata in “Piazza Affari” con la merce a bancale, mentre a Verona è stato rinnovato il contratto di solidarietà: solo la filiale di Treviso, per ora, è in attivo.

Immediatamente è stato proclamato lo sciopero, previsto per sabato 7 novembre in corrispondenza con quello nazionale del comparto terziario. Possibile che in quell’occasione ci sarà un presidio al magazzino, ma la notizia è fresca e ancora non è stato elaborato un piano specifico. Nei prossimi giorni si ragionerà su quali altre iniziative mettere in atto per tentare di salvaguardare i posti di lavoro. Il messaggio dell’azienda, però, è chiaro: alternative non ce ne sono. Proprio come un anno fa, quando ha chiuso la sede di Pordenone.

veneziatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -