Marano Vicentino: profugo abbatte con un autocarro la recinzione del cimitero

Forse la notizia doveva passare inosservata, e probabilmente si è anche cercato di farlo, ma oggi, giorno di visite al cimitero, era uno degli argomenti su cui si chiacchierava di più. Qualche giorno addietro, infatti, davanti al cimitero si è rischiata la tragedia.

cimitero-marano

Uno dei cosiddetti profughi recentemente “arruolato” dall’Amministrazione comunale di Marano Vicentino come lavoratore socialmente utile, in seguito alla firma della convenzione con la cooperativa sociale “Con te” per l’utilizzo dei migranti in attività socialmente utili da svolgere sul territorio comunale, avrebbe infatti combinato un bel guaio.

Da quanto raccontano numerosi testimoni, il migrante, che probabilmente stava sbrigando dei lavori di pulizia delle aiuole prospicenti il cimitero comunale, si sarebbe messo alla guida di un autocarro ed avrebbe letteralmente sfondato il muro di cinta del cimitero ad un passo dal cancello d’ingresso, abbattendone diversi metri. Pare si sia sfiorata miracolosamente la tragedia, in quanto alcune signore stavano leggendo la vicina bacheca degli annunci funebri proprio in quell’istante. Il caso, o la fortuna, ha voluto che ci siano stati solo danni materiali; ma la paura è stata notevole.

Ora si tratta anche di capire se la convenzione siglata dall’Amministrazione comunale nel mese di settembre sia realmente vantaggiosa, o stia già diventando “un grosso problema” da gestire.

Perché le domande che sorgono a noi, come ai comuni cittadini, sono tante:

- cosa sarebbe successo se il migrante avesse investito delle persone, procurandone il ferimento o la morte?

- il migrante che era alla guida dell’autocarro aveva la patente o un permesso di guida regolare?

- chi ha autorizzato il migrante a salire sul mezzo?

- chi si occupa del controllo reale di queste persone, di cui conosciamo poco o nulla, e chi ne è responsabile per la loro condotta ed il loro operato?

- chi risponde civilmente o penalmente, per loro conto, dei danni che possono causare?

- chi pagherà il conto dei danni, probabilmente salato, di questo “incidente” che poteva essere anche molto più grave?

Di questo e molto altro si discuteva oggi nei parcheggi di fronte al cimitero comunale, mentre la cittadinanza si recava a commemorare i defunti. Speriamo che le risposte arrivino presto, ma questa volta dai vivi.

Sezione della Lega Nord – Liga Veneta di Marano Vicentino



   

 

 

1 Commento per “Marano Vicentino: profugo abbatte con un autocarro la recinzione del cimitero”

  1. Innanzitutto io denuncerei chi lo ha arruolato, senza sapere chi e che cosa e venuto a fare in Italia, inoltre come cittadino mi risarcirei per i danni fatti al Cimitero che è patrimonio di tutta la comunità e chi ha autorizzato tutto ciò e gli farei pagare tutti i danni solo a lui nemmeno un centesimo pagherei per l’accaduto anzi lo caccerei a CxxxxxxxxxxxxxE, se ci scappava il morto che cosa avrebbe dovuto fare il famigliare? chiedere scusa a chi l’ha autorizzato oppure non lo dico perché sarei molto ma molto duro.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -