Libia: rapito ministro della Pianificazione del governo, scontri a Tripoli

Una milizia armata ha rapito ieri Ahmed al Qadar, il ministro della Pianificazione del Governo di salvezza nazionale libico di Tripoli. Lo ha annunciato l’agenzia di stampa libica “al Tadhamoun”, che cita come fonte un funzionario del ministero. Il rapimento e’ avvenuto ieri verso mezzogiorno . Il ministro sarebbe stato prelevato dal suo ufficio da una milizia armata.

Secondo quanto riferisce l’emittente televisiva qatariota “al Jazeera”, a sequestrare il ministro e’ stata la brigata “Rivoluzionari di Tripoli”. L’esponente del governo filo-islamista libico avrebbe sfruttato il nome della brigata “per terrorizzare gli impiegati del ministero e mettere le mani sul bilancio del dicastero per scopi personali”, come riferito dai “Rivoluzionari” nella rivendicazione del rapimento.

Nella notte sono poi intervenuti i miliziani di Zliten, citta’ di provenienza del ministro, che hanno aperto il fuoco usando anche armi pesanti contro i combattenti rivali.

Gli artefici del disastro libico

Gli artefici del disastro libico

La Libia vede da oltre un anno due compagini politiche rivali seguite al fallimento delle elezioni avvenute del giugno 2014 che ha visto il paese dividersi in due entita’ governative una legata al parlamento di Tobruk, riconosciuto dalla comunita’ internazionale, e il sedicente Congresso nazionale di Tripoli, che con la forza ha spinto il parlamento legittimo a fuggire dalla capitale, grazie all’appoggio delle milizie islamiste.

Dopo mesi di trattative, lo scorso 8 ottobre Bernardino Leon ha presentato alle fazioni della Libia i nomi dei candidati per la creazione di un governo di unita’ nazionale rappresentativo di entrambe le fazioni. Tuttavia forze estremiste sia di Tobruk che di Tripoli hanno riportato la situazione ad una fase di stallo. Il conflitto in corso fra i due governi rivali ha spinto il paese nel caos, permettendo allo Stato islamico di guadagnare terreno conquistando parte delle citta’ di Sirte e Derna. agi



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -