Immigrati, spose bambine in Italia: “Vengono costrette dai genitori”

 

Sono nate e cresciute nel nostro Paese, hanno dai dieci ai diciassette anni e spesso sono immigrate di seconda generazione. La loro “occidentalizzazione” può dar fastidio e così le loro famiglie possono decidere di venderle spedendole nei loro Paesi di origine e facendole sposare con uomini molto più vecchi.

sposa-bambina

“Il fenomeno delle spose bambine ha numeri da capogiro: nel mondo tocca tremila milioni di minorenni l’anno, 37mila al giorno”, scrive Bianca Francavilla su Il Mattino.

Ed è un fenomeno presente anche in Italia, spesso coperto da omertà. “Le bambine improvvisamente scompaiono. La famiglia finge di aver organizzato un viaggio, magari perché un parente è malato. Una volta che nel Paese vengono ritirati i documenti, viene distrutto il biglietto di ritorno”, racconta Alessandra Davide, responsabile del progetto “Matrimoni forzati”.

E come viene scelto il marito delle bimbe?, chiede l’intervistatrice.

A volte è un parente, per tenere preservato il patrimonio familiare. Altre volte è solo un uomo ricco. In entrambi i casi, è una persona disposta a sborsare una grossa cifra di denaro alla famiglia.

today.it



   

 

 

2 Commenti per “Immigrati, spose bambine in Italia: “Vengono costrette dai genitori””

  1. MA CHE SCHIFO !!!

  2. I genitori modello restano in Italia coi soldini???

    Comunque : CIRVONVENZIONE DI INCAPACE-
    VENDITA DI MINORE da parte dei genitori (i primi che andrebbero ammazzati ),
    SEQUESTRO E PEDOFILIA con STUPRO da parte del dicasi ” uomo”.
    In tutti i casi per la legge ITALIANA meriterebbe l’ergastolo …
    SENZA POI TACCIARE I GIUDICI DI RAZZISMO. !!!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -