Monza: egiziano nascondeva la seconda famiglia in un garage

 

MONZA – Una famiglia “ufficiale” tra le mura di un appartamento di uno stabile popolare in via Giotto a Monza, con tre bambini e una moglie, dove l’armonia però si era persa da tempo.

E poi una seconda donna e altri tre piccoli, tutti tra i tre e i nove anni, quasi coetanei dei fratellini che probabilmente non hanno mai incontrato, nascosti in un garage e costretti a vivere in un box.

monza-egiziano-garage

E’ stato questo che i carabinieri di Monza sabato pomeriggio hanno trovato in un garage di uno stabile popolare in via Leon Battista Alberti, annesso al palazzo di via Giotto. Tra coperte, scope, acqua e viveri, nascosti per non lasciare tracce, c’era una vera e propria famiglia. Qui i militari si erano recati per rintracciare un 50enne egiziano che poco prima aveva fatto capolino nell’appartamento della prima moglie, una connazionale, nonostante il divieto imposto dal provvedimento di allontanamento scattato per la condotta violenta dell’uomo, in seguito alla denuncia per maltrattamenti in famiglia sporta tempo prima dalla donna. Quando la signora ha allertato i carabinieri, il 50enne però si è allontanato ed è stata lei a suggerire agli inquirenti di cercarlo proprio in quello stabile dove in realtà è stato trovato tutt’altro.

Per la signora e i suoi piccoli sono stati allertati i servizi sociali comunali che hanno preso in carico la situazione e li hanno trasferiti in una struttura di accoglienza. I bambini sono stati anche accompagnati in ospedale per alcune visite ma non sono emersi elementi preoccupanti. Secondo quanto ricostruito dall’Arma di Monza la famiglia viveva nel box da due o forse una settimana, in condizioni di profonda indigenza. Sono ancora in corso alcuni accertamenti e al momento il 50enne, titolare di una ditta di pulizie, è stato denunciato solo per aver violato la misura dell’obbligo di allontanamento dalla casa famigliare. La notizia su MonzaToday

today.it



   

 

 

2 Commenti per “Monza: egiziano nascondeva la seconda famiglia in un garage”

  1. Solo ma qui siamo alla ALLUCINAZIONE tenere sequestrate moglie e bambini in un garage, ecco perché non riuscivo a capire chi ci prendeva in giro Italiani Maccaroni e stupid si ora l’ho capito il perchè e me ne vergogno, invece i politici sono anche fieri di aver fatto venire questa gente Clandestina io forse non so se si potrebbe dire che quello che sta succedendo e un Txxxxxxxxxo verso la nazione.

  2. qualnta “cultura” … in Egitto; dove viveva.?
    c’è da aspettare dopo il garage resta la cantina. Ci sono andati a vedere.?????

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -