Francia, sondaggio elettorale: Front National primo partito

 

PARIGI – A quasi cinque settimane dal primo turno in Francia delle elezioni regionali, mentre l’elettorato comincia a sintonizzarsi con l’imminenza dello scrutinio l’ultimo sondaggio delle societa’ di rilevazione Tns Sofres e Onepoint, realizzato per il quotidiano “Le Figaro”, mostra quali sono in questo momento i rapporti di forza tra le varie famiglie politiche: in testa alle intenzioni di voto c’e’ il Front national (Fn) di Marine Le Pen.

marine2

E questa è al tempo stesso una conferma – del consenso molto ampio che raccoglie la leader Marine Le Pen, molto più ampio anche dei confini dell’elettorato di destra francese – e una novità, pensando che oggi in Francia i partiti di destra e conservatori assieme raggiungono e superano con decisione il 50% delle intenzioni di voto.

Infatti, il secondo partito premiato dai francesi è il centrodestra guidato dai Repubblicani (ex Ump) di Nicolas Sarkozy, mentre il Partito socialsta del presidente Francois Hollande e’ molto indietro ed in forte difficolta’.

Alla domanda su quale partito hanno intenzione di votare al primo turno delle elezioni regionali del 13 dicembre prossimo, il 28 per cento dei francesi intervistati nel sondaggio si sono pronunciati in favore del Fn: un punto percentuale davanti addirittura alla coalizione di centro e destra tradizionale formata dai Repubblicani con l’Udi ed il MoDem che si attesta al 27 per cento complessivo.

Molto piu’ staccato nelle intenzioni di voto il Ps, con solo il 21 per cento; e ancora piu’ indietro le liste dei Verdi, con l’8 per cento, e quelle del Fronte di sinistra (Fg) fermo al 6 per cento.

“Una lettura si impone”, commenta il direttore dell’unita’ di strategie d’opinione di della societa’ TNS Sofres, Emmanuel Rivière: “In Francia ormai il tripartitismo e’ ben installato. E c’e’ un partito, il Fn, che gode di una forte dinamica positiva”.

Il partito di Marine Le Pen tra l’altro si fa forte di un proprio elettorato che resta assai mobilitato e fidelizzato: alle elezioni regionali il 92 per cento degli elettori che avevano scelto il Fn alle presidenziali del 2012 hanno intenzione di confermare quel voto; un dato che invece cala addirittura al 62 per cento tra gli elettori di Hollande ed al 67 per cento tra quelli del suo rivale nel 2012, l’allora presidente uscente Sarkozy.

Questo ultimo aspetto delle intenzioni di voto premia in modo indiretto – perchè il sondaggio è riferito alle elezioni regionali, ma pesa sulle presidenziali dell’anno prossimo – ancora una volta Marine Le Pen, che dovesse andare alle urne di dicembre come ora è pronosticato, si troverebbe in testa già adesso nella gara decisiva per i destini di Francia e della Ue, rappresentata dall’Eliseo.

Le elezioni presidenziali francesi tradizionalmente influiscono sull’orientamento complessivo dei responsi elettoriali d’Europa, e le vittorie delle destre ormai un po’ dappertutto, l’ultima in Polonia domenica scorsa, troverebbero con Marine Le Pen presidente quel trionfo che darà la forza per veri e radicali cambiamenti attesi ormai da troppo tempo.

Redazione Milano IL NORD



   

 

 

2 Commenti per “Francia, sondaggio elettorale: Front National primo partito”

  1. Grande i Francesi non sono come i pecoroni Italiani, e grandissima e la Le Pen come anche la Polonia che da tempo stanno dicendo che l’UE anno rotto i marroni, Viva la Francia e viva la Polonia.

  2. Concezio Riccardo D'Andrea

    Concezio Riccardo D’Andrea
    I Francesi hanno una Grande diferenza dagli Italiani, quella di essere Francesi, Gli Oltralpe hanno fatto la rivoluzione. L’unica vera rivoluzione nel mondo.
    Noi Popolo Italiano possiamo vantare nel nostro passato solo L’Impero Romano, che non È poco, e il Ventennio Fascista che neanche poco è considerando tutto quello che è stato fatto.
    Ora non siamo capaci di fare 2+2=4 per risorgere !!!
    Popolo di Scoglionati e le voci angeliche del coro della destra lo confermano.
    Dove sono i Fascisti oggi ???
    Possiamo chiamarli Fascisti le Damigelle me compreso che facciamo i forti in rete, ma che in realtà ci abbassiamo le Brache per prenderlo dai Papponi tipo Renzi, Napolitano, Monti e tutta la cricca di leccaculi massoni del clero massone GESUITA; E AGGIUNCO UN PO DI VOLGARITÀ PER INDICARE LA MIA RABBIA.
    (di merda)

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -