Chi compra per milioni di dollari il petrolio rubato dall’Isis in Siria?

Il reddito percepito da parte dello Stato Islamico per il contrabbando di petrolio raggiunge almeno 1,5 milioni di dollari al giorno.

Il presidente Barack Obama in visita ad un giacimento di petrolio e di gas in New Mexico per promuovere la sua politica energetica

Gli esperti si chiedono chi benefici della collaborazione con il gruppo terrorista per l’acquisto del cosiddetto ‘”oro nero
L’area che si trova nelle vicinanze di Palmyra nella Siria centrale, è strategica per lo Stato islamico, dato che la zona è uno dei più grandi giacimenti di petrolio del paese. Con la vendita di petrolio greggio i terroristi riescono a guadagnare milioni di dollari.

Il gruppo estremista ha conquistato almeno nove grandi campi nella regione. “Lo Stato islamico ha preso il controllo della maggior parte delle infrastrutture petrolifere della Siria. (…) In Iraq, l’Isis controlla anche una parte significativa del greggio. [I terroristi] guadagnano almeno 2.000 milioni di dollari all’anno dalla vendita”, ha sostenuto il presidente dell’Istituto di Medio Oriente della Russia, Yevgeny Satanovski, citato da canale russo Russia 1.

Secondo i documenti ottenuti recentemente e rivelati dal Financial Times, gli accordi di acquisto sono sigillati nel luogo di produzione, dove i commercianti acquistano il petrolio per la rivendita. Il Presidente del Centro di Comunicazione strategico, Dmitry Abzalov rivela che una parte considerevole di questo petrolio, oltre il 50%, fino a poco tempo fa, finiva nelle mani di società statunitensi. Con i soldi guadagnati, il gruppo islamista acquista equipaggiamenti militari, lanciagranate e tutti i tipi di munizioni e armi necessari.

“Il petrolio è una delle componenti chiave della forza dei terroristi. Se la coalizione a guida USA avesse voluto davvero sbarazzarsi dei terroristi, in primis, avrebbero distrutto le loro infrastrutture petrolifere, ma non lo fanno. Perché? Perché i terroristi servono gli interessi dell’Occidente, in particolare degli Stati Uniti, che, a sua volta, significa che se sono privati della loro principale fonte di finanziamento, i terroristi non obbedirebbero più. Al contrario la loro obbedienza permette a Washington di mantenere la regione sotto tensione”, ha spiegato il direttore della rivista britannica “Politics First” Marcus Papadopoulos.

Fonte: RT  -  lantidiplomatico.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -