Ambasciatore libico avverte l’Italia: attacco al cimitero è simbolico, attenzione a reazioni popolari

“Se le notizie non confermate di violazioni delle acque territoriali libiche” da parte di navi militari italiane “dovessero rivelarsi vere, ci si potrebbero attendere reazioni pubbliche piu’ ampie”.

LIBIA-CIMITERO-ITALIANO

Lo ha affermato l’ambasciatore libico in Italia, Ahmed Safar, in un’intervista all’Agi. Rispondendo a una domanda sulle minacce arrivate a Roma da parte del governo libico riconosciuto dalla comunita’ internazionale, Safar ha ricordato che il mandato delle autorita’ di Tobruk e’ arrivato a scadenza e la “legittimita’ e’ stata messa alla prova, anche con una pressione crescente dallo scorso 20 ottobre”.

L’attacco al cimitero italiano a Tripoli e’ stato “simbolico” e non e’ espressione di un diffuso sentimento anti-italiano in Libia, ha assicurato l’ambasciatore Safar. “Non ci sono indicazioni di alcun crescente sentimento anti-italiano in Libia, a prescindere dal coinvolgimento della comunita’ internazionale” nel Paese, ha dichiarato Safar. Per l’ambasciatore, l’attacco al cimitero Hammangi e’ stato “simbolico”, con l’obiettivo di “mandare un messaggio all’interno e al di fuori del Paese”.

cimitero-ita-tripoli

E’ stato opera di quanti “hanno avvertito la pressione di un imminente accordo politico tra le parti libiche sotto il coordinamento dell’Onu”, ha aggiunto Safar. “Detto questo”, ha sottolineato ancora l’ambasciatore, “la popolazione libica e’ molto sensibile al tema di un possibile intervento militare non richiesto nel Mediterraneo e pertanto le recenti notizie che riflettono tali minacce potrebbero alimentare sentimenti anti-occidentali, se non vengono trattate con delicatezza”. AGI



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -