Aereo russo, Intelligence Usa: nessuna prova esplicita contro Isis

 

Non ci sono “prove esplicite” che l’aereo passeggeri russo caduto in Egitto sia precipitato a causa di un attentato terroristico. A dirlo è stato James Clapper, a capo dell’intelligence statunitense, parlando durante un summit sulla difesa a Washington.

Joe Biden, James Clapper

Secondo Clapper, è “improbabile” che lo Stato islamico abbia le capacità per compiere un attentato simile, ma “non lo escluderei”. “Non abbiamo ancora nessuna prova esplicita – ha concluso – sulla possibilità di un attacco terroristico”. (fonte Afp)

Contemporaneamente Kerry – Mosca deve aiutare a trovare una soluzione politica in Siria e non semplicemente sostenere il presidente siriano Bashar al-Assad. Lo ha dichiarato il segretario di Stato Usa John Kerry parlando dal Kazakistan. “Dipende davvero molto dalle decisioni che la Russia prende sul fatto che si trova i Siria per trovare la soluzione politica o se è lì per sostenere semplicemente il regime di Assad”, ha dichiarato.Fonte Reuters – Traduzione LaPresse



   

 

 

1 Commento per “Aereo russo, Intelligence Usa: nessuna prova esplicita contro Isis”

  1. Roberto Paolozzi

    Se il filmato dell’ISIS è vero, l’esplosione con relativo fumo nero potrebbe verosimilmente provenire dall’interno provocata da una bomba barostatica o ad orologeria. Non mi sembra molto difficile metterne una in un aereo in sosta a Sharm. I militanti dell’ISIS ci vogliono far credere ad un missile perché farebbe supporre che ne siano dotati. Ovviamente l’Egitto nega la tesi della bomba perché dimostrerebbe la scarsa sicurezza esistente nei suoi aeroporti.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -