“Invadere l’Iraq è illegale”. Blair ordinò “Bruciate quel documento, distruggetelo”

blair

 

Le cose continuano a complicarsi per Tony Blair e la sua scelta di partecipare comunque e ad ogni costo alla guerra in Iraq nel 2003. Il Mail on Sunday rivela che il ministro della Giustizia dell’epoca, Lord Goldsmith, invio’ il 7 marzo al governo un rapporto di 13 pagine nel quale, in sintesi affermava che la scelta di invadere l’Iraq era illegale e quindi, formalmente toglieva ogni possibile giutsificazione formale alla guerra. Blair si infurio’ e ai pochi ministri che video il documento venne ordinato: “Bruciatelo. Distruggetelo”.

Dieci giorni dopo, il 17 marzo, due gionri prima dell’inizo dei raid Lord Goldsmith, nel frattempo ‘raggiunto’ dalle pressioni di Downing Street, stilo’ un altro testo in cui ribaltando le sue stessi tesi precedenti, giustificava pienamente l’intervento, andando incontro a quanto serviva a Blair.

Ma tra quanti cui fu ordinato di eliminare l’imbarazzante primo testo c’era l’allora ministro della Difesa, e all’epoca, fedelissimo di Blair, Geoff Hoon, che ignoro’ l’ordine ne conservo’ copia. Anzi, scrive il Mail on Sunday, Hoon avrebbe minacciato il premier di rivelarne il contenuto quando in un rimpasto fu spostato ad un incarico minore. Particolare che Hoon ha smentito.

I nuovi particolari – in attesa dell’incredibilmente rinviata al luglio 2016 pubblicazione del rapporto Chilcot sulla genesi della partecipazione di Londra al conflitto – secondo il tabloid rappresentano un ulteriore dimostrazione della determinazione con cui Blair e la sua squadra fossero decisi a seguire George W. Bush in Iraq. Il conflitto che ha dato la stura al caos in cui 12 anni dopo il mondo e’ costretto a vivere. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per ““Invadere l’Iraq è illegale”. Blair ordinò “Bruciate quel documento, distruggetelo””

  1. Cacchio finalmente da ignorante in materia avevo indovinato che Bush e Blair erano 2 guerrafondai ed ecco i risultati ora ci vorrebbero le navi che mentre di portare in Italia i Clandestini li dovrebbero portare in usa e in Inghilterra presso le rispettive famiglie di chi a creato questo macello, e i politici Italiani ancora vanno dietro questi guerrafondai degli Americani tra l’embargo alla Russia che non c’entra un ca22o anzi l’embargo gli usa se la dovrebbero fare da soli, in più ora vogliono farci mangiare la merda che mangiano loro.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -