3 navi da guerra italiane in acque libiche, ira di Tobruk “pronti a difenderci”

 

Il governo libico di Tobruk ha denunciato che tre navi da guerra italiane sono entrate nelle ultime lore nelle acque territoriali libiche senza l’autorizzazione e ha avvertito che “utilizzera’ ogni mezzo” per proteggere la sua sovranita’.

navi-ita

Secondo il governo di Tobruk, che e’ quello riconosciuto a livello internazionale, le tre navi italiane sono state avvistate al largo della costa di Bengasi nella notte tra sabato e domenica.

I tre mezzi navali probabilmente fanno parte della forza navale messa in campo dai Paesi Ue per contrastare il traffico di esseri umani verso le coste italiane.

Dal nostro ministero della Difesa arriva la smentita, nessuna violazione acque territoriali libiche: “La notizia diffusa stamane da fonti libiche circa la presenza ieri di tre navi italiane nelle acque territoriali libiche e’ falsa”. Lo si legge in un comunicato del ministero che aggiunge: “Tutte le navi militari italiane presenti nel Mediterraneo operano in acque internazionali rispettando i limiti stabiliti dai trattati”.

Dopo le prime notizie, il capogruppo di Sel Arturo Scotto aveva chiesto: “Il Governo Renzi spieghi subito se nostre navi, della Marina Militare, sono in acque territoriali libiche e quali azioni svolgono. Dal Parlamento nessun mandato”.

Intanto, ieri notte i caccia libici si sono levati in volo per seguire i movimenti delle navi da guerra italiane, accusate dal governo di Tobruk di esser entrate senza autorizzazione all’interno delle acque territoriali libiche: lo ha reso noto il comandante dell’aviazione libica, Saqr Geroushi, secondo quanto riporta la stampa locale. agi



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -