Trident Juncture. Elicotteri dei Marines nel parco archeologico di Selinunte

 

Gli americani sono rimasti in panne. Erano circa le 15,30 del pomeriggio di martedì scorso, quando due mega elicotteri, con ogni probabilità provenienti dal Canale di Sicilia, sono atterrati dentro il parco archeologico di Selinunte, dove se un turista toccasse una pietra verrebbe giustamente denunciato.

foto di Salvatore Casamento da castelvetranonews.it

foto di Salvatore Casamento da castelvetranonews.it

Come scrive Tp24.it, una decina di marines si sono trovati davanti gli sguardi increduli dei carabinieri e del personale del parco, accorsi dopo poco tempo. Difficile capirsi. I militari americani chiedono quanto dista da lì Sigonella, via terra, ma non conoscono una parola di italiano. Carabinieri e personale del parco invece non capiscono l’inglese. Alleluia!

Un marines si arrampica sul rotore a dare un’occhiata e dopo qualche ora i grossi elicotteri riprendono il volo.

Da qualche giorno l’operazione di esercitazione militare è entrata nel vivo, trasformando l’isola in un parco giochi USA-NATO.
E mentre la spesa militare italiana sale, sottraendo importanti risorse finanziarie per le gravi emergenze sociali ed ambientali, i soldati simulano le azioni di guerra.

 



   

 

 

1 Commento per “Trident Juncture. Elicotteri dei Marines nel parco archeologico di Selinunte”

  1. Notoriamente bisogna far giocare i pupi, peccato che nelle simulazioni simulino, sarebbe invece un piacere poterne osservare i risultati reali, più che ipotetici.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -