“Nessuna tassa per la TV spazzatura” che narcotizza le menti del popolo italiano

“Nessuna tassa per la TV spazzatura”,——–
Questa è la TV di Stato, una scatola vuota, piena solo di programmi spazzatura che narcotizzano le menti del popolo italiano..

lavaggio_cervello

I militanti forzanovisti di Bologna hanno depositato in tutto il territorio italiano un efficace promemoria di lotta e denuncia davanti alle sedi regionali RAI delle città, da viale Mazzini a Roma, a Corso Sempione a Milano, passando per le sedi regionali di Torino, Venezia, Bologna, Trieste, Firenze, Pescara, Ancona, Napoli, Bari, Cagliari e Palermo……….

La denuncia è chiara e decisa: “Nessuna tassa per la TV spazzatura”. Gli scatoloni a forma di televisore pieni di sacchi di spazzatura sono stati accompagnati da volantini con questo testo: “Questa è la TV di Stato, una scatola vuota, piena solo di programmi spazzatura che narcotizzano le menti del popolo italiano. Altro che riduzione dell’imposta! Il canone in bolletta diventa un prelievo forzoso – con sanzioni esorbitanti per chi oserà evadere una delle tasse più odiose e fuori dal tempo – fondato sul semplice possesso di uno strumento e su un’implicita, e presunta, adesione all’offerta faziosa della RAI, fatta di palinsesti ridicoli e fatiscenti, volgarità, propaganda gender, risse create ad arte e pseudo approfondimenti palesemente allineati all’imposizione del pensiero unico politicamente corretto”….

“A ciò si aggiunga – conclude il testo sul volantino – la scandalosa omertà sui costi del carrozzone, sui compensi dei boss di nomina politica e delle varie “star” e la reale portata della raccolta pubblicitaria, con un’invadenza degli spot che rende il cosiddetto servizio pubblico identico alla spazzatura, gratuita, trasmessa dai ‘privati’.
Per questa TV spazzatura, nessuna tassa è legittima, ogni contributo imposto è una schiavitù subita! La ribellione fiscale sarà l’inizio della ribellione mentale e spirituale!”.



   

 

 

2 Commenti per ““Nessuna tassa per la TV spazzatura” che narcotizza le menti del popolo italiano”

  1. Hanno ragione al cento per cento. Tutti i cittadini devono inviare una lettera alla Rai e una alla società elettrica che deve riscuotere il canone, dicendo che non hanno intenzione di pagare il canone, in quanto lo ritengono iniquo.

  2. Il canone Rai è simile alle tangenti, viene estorto con legalità, ma si divide fra i compagni di partito.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -