Mancano le donne, la Cina abbandona la politica del figlio unico

La famiglia cinese  ha messo fine alla politica del figlio unico: d’ora in poi ogni coppia potra’ mettere al mondo due figli. La misura, adottata dal quinto plenum del Comitato Centrale del Partito Comunista, modifica le regole del 1979, che sarebbero dovute servire come metodo di controllo demografico.
La contestatissima legge, pero’, aveva creato una serie di squilibri e da ultimo si e’ dimostrata inadeguata alla nuova fase di sviluppo sociale ed economica del gigante asiatico.

bambini-cinesi

L’obiettivo e’ correggere le distorsioni e il preoccupante squilibrio tra uomini e donne (116 uomini contro 100 donne) e frenare l’invecchiamento della popolazione. Secondo le stime piu’ recenti, la politica del figlio unico ha portato, nel corso degli anni, ad almeno 400 milioni di bambini non nati, e a diverse forme di sanzioni nei confronti delle coppie che non si attenevano alla normativa, che andavano da semplici multe alla perdita del posto di lavoro fino ai casi di aborto forzato condannati in molte occasioni dalle organizzazioni internazionali

Adottata 35 anni fa per il controllo demografico della nazione piu’ popolosa della terra con i suoi 1,3 miliardi di abitanti, l’impopolare politica del figlio unico viene mandata in soffitta a causa delle preoccupazioni della classe dirigente cinese, che deve fare i conti con una popolazione che invecchia, con costi sociali sempre piu’ elevati, e una forza-lavoro che diminuisce rispetto alla popolazione non attiva.

Nel 2013, il governo aveva deciso di consentire due figli alle coppie in cui uno dei genitori era lui stesso figlio unico. Ma finora la decisione del 2013 aveva avuto finora un effetto limitato, perche’ non si applicava in tutto il territorio e molte coppie preferiscono comunque avere un solo figlio per ragioni economiche.
Il governo cinese ha sempre sostenuto che limitare a un solo figlio la discendenza, soprattutto nelle zone urbane, ha contributo allo sviluppo del Paese e l’uscita della poverta’ di oltre 400 milioni negli ultimi tre decenni, pero’ Pechino aveva anche ammesso che si avvicinava il momento di novita’.

Per Wang Feng, esperto demografico, si tratta di un provvedimento “storico” che, pero’, piu’ che avere un impatto sul processo di invecchiamento della societa’ lo avra’ sulla “struttura di molte giovani famiglie”. “Abbiamo aspettato questo momento per una generazione -ha aggiunto- ma anche per troppo tempo”.
(AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -