La Cina avverte gli Usa: basta provocazioni o si rischia la guerra

 

Non è stato sereno il colloquio video., oggi, tra i capi delle Marine statunitense e cinese. L’ammiraglio Wu Shengli, capo della Marina militare di Pechino, ha avvertito l’ammiraglio John Ricardson, suo corrispettivo americano, che se proseguiranno “atti provocatori” nel Mar cinese meridionale, c’è il rischio che esploda un conflitto tra le due principali potenze mondiali.

Secondo quanto ha riferito l’agenzia di stampa cinese Xinhua, il colloquio in videconferenza tra i due alti ufficiali è durato circa un’ora. La parte americana non aveva fornito dettagli sui contenuti, ma Pechino ha dato l’idea di una conversazione abbastanza tempestosa, che viene dopo che gli Usa hanno inviato un cacciatorpediniere – USS Lassen – nelle acque contese tra le isole Spratly e le Paracel, a meno di 12 miglia nautiche da una delle isole artificiali che la Cina sta costruendo in quell’area.

Le autorità cinesi non hanno preso contromisure militari per il passaggio della nave, che Washington ha giustificato come un’attività nell’ambito di un programma per garantire la libertà di navigazione. Tuttavia hanno protestato convocando l’ambasciatore Usa a Pechino e hanno parlato di “minaccia alla sicurezza” della Repubblica popolare.”Se gli Stati uniti continueranno a realizzare questi atti pericolosi e provocatori, potrebbe prodursi una situazione pericolosa tra le forze sulla linea del fronte in cielo e in mare. E anche un piccolo incidente potrebbe innescare un conflitto”, ha ammonito Wu, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa ufficiale.  (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -