Francia: avvocato uccide il presidente dell’Ordine e si spara

 

Sta per essere sospeso per tre anni e uccide il presidente dell’Ordine degli avvocati, per poi commettere suicidio: e’ il dramma accaduto in un tribunale del nord della Francia. L’avvocato, Joseph Scipilliti, e’ entrato armato nell’ufficio del responsabile dell’Ordine di Melun, nel dipartimento Senna e Marna, e ha aperto il fuoco contro il 43enne Henrique Vannier che stava per notificargli il provvedimento disciplinare.

Joseph Scipilliti

Joseph Scipilliti

La sospensione era stata decisa per alcune lettere minatorie indirizzate dall’avvocato proprio a Vannier, il quale aveva aperto un procedimento disciplinare nei suoi confronti per violazioni deontologiche.

Da quanto e’ emerso in un documento-testamento di 240 pagine che l’avvocato ha inviato a diversi suoi contatti tra cui il movimento  Resistance Republicaine, Scipilliti accusava Vannier di essere a capo di un sistema che emarginava i professionisti come lui e che lo aveva costretto a chiudere lo studio. In un paragrafo sembra preannunciare il suo gesto: “Per una volta, manchero’ veramente di delicatezza”.

Dopo aver sparato tre colpi contro il collega, l’avvocato Mei ha rivolto l’arma contro di se’ e si e’ tolto la vita. Scipilliti era un rappresentante di Riposte Laique, un sito Internet che difende la laicita’ contro l’islamizzazione della Francia. Secondo Le Parisien, aveva preannunciato il suo gesto. AGI



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -