Siria, Lavrov: cena di lavoro a Parigi? Nemmeno ci hanno informati

 

La Russia, tra i protagonisti insieme a Usa, Arabia Saudita e Turchia del vertice a quattro sulla Siria di venerdi’ scorso a Vienna, non sara’ presente invece alla ‘cena di lavoro’ organizzata in serata a Parigi dal Quai d’Orsay: “Lo ammetto, non ne sapevo nulla”, ha affermato in tono piuttosto stizzito il ministro degli Esteri, Serghei Lavrov, durante una conferenza stampa congiunta a Mosca con l’omologo bielorusso, Vladimir Makei.

lavrov

“Noi non siamo stati invitati, e neppure informati di tale appuntamento. Se davvero avra’ luogo”, ha proseguito Lavrov, “e’ sperabile abbia l’obiettivo di creare format in grado di contribuire a coinvolgere nella stabilizzazione siriana tutte le forze, senza alcuna eccezione”, ha sottolineato in tono polemico.

“I nostri interlocutori”, ha aggiunto, “anche quelli che dubitavano della possibilita’ stessa di lanciare un processo cosi’ inclusivo, stanno cominciando a comprendere che dubbi se ne possono anche nutrire, ma che non esiste altra via per risolvere la crisi in Siria”.  Al riguardo il capo della diplomazia russa ha poi auspicato che anche a un eventuale secondo summit viennese, da tenersi fra tre giorni, oltre ai quattro partecipanti originari siano presenti “l’Iran, l’Egitto e altri attori stranieri”, in assenza dei quali “e’ difficile dissertare sulla natura rappresentativa del lavoro” da svolgere.

Per il ministro non e’ ancora scontato che la riunione di venerdi’ prossimo si tenga davvero. “Vedremo”, si e’ limitato a osservare, per poi concludere: “Tutto dipendera’ dalla possibilita’ di mettere da parte certe ambizioni, le attrazioni e le avversioni personali”. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -