Pistoia: anziana trovata morta in casa, arrestata la badante

 

PISTOIA – Stava per fuggire la badante romena dell’anziana novantenne trovata morta il 23 ottobre nella sua casa di Pracchia. L.N., 61 anni, è “indiziata di delitto” e si trova nel carcere di Sollicciano, con l’accusa di “maltrattamenti di persone affidate alla propria cura, con l’aggravante che dal fatto è derivata la morte” di Cadria Cappelli, che la donna accudiva insieme a suo marito, entrambi non autosufficienti.

Le indagini erano partite una decina di giorni fa, grazie al racconto di una coppia di villeggianti che per un breve periodo aveva occupato l’appartamento a fianco a quello dei due anziani. Entrambi hanno riferito ai militari di aver sentito grida e lamenti provenire dall’abitazione e in un caso avevano notato dall’esterno gesti sospetti da parte della badante che potevano far pensare a maltrattamenti, come ricostruisce Il Corriere Fiorentino. La Procura aveva quindi autorizzato le intercettazioni ambientali, dalle quali è emerso che i due anziani erano in balia della badante, tra ingiurie, minacce e probabilmente anche percosse.

La morte della vittima ha fatto scattare il fermo nei confronti della badante, anche se bisognerà attendere i risultati dell’autopsia per mettere in relazione il decesso con i maltrattamenti o per poter considerare invece una concausa della morte. I militari di Campo Tizzoro hanno sequestrato diverse confezioni di medicinali (compresi alcuni sedativi) che potrebbero essere stati somministrati ai due anziani in maniera diversa da quanto prescritto, così da garantire alla badante maggiore “libertà di manovra”.

www.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -