Nozze gay all’estero non valide in Italia. Avvocati Lgbti contro il giudice: “E’ di parte”

 

“Ho ricevuto una segnalazione questa mattina e sono andata subito a controllare il profilo Twitter del giudice Deodato: la sua posizione conservatrice risulta evidente da ciò che ritwitta e condivide, dai proclami delle’ Sentinelle in piedi’ al giornale di Adinolfi. E’ un profilo pubblico e tutti lo possono vedere”.

marino-nozze-gay

E’ quanto denuncia all’Adnkronos l’avvocato Mariagrazia Sangalli, presidente della Rete Lendford – Avvocatura per i diritti Lgbti – riguardo al giudice Carlo Deodato, relatore della sentenza del Consiglio di Stato che ha bocciato le trascrizioni fatte dai sindaci italiani di nozze gay contratte all’estero.

Sul profilo Twitter il giudice Deodato si descrive così: “Giurista, cattolico, sposato e padre di due figli. Uomo libero e osservatore indipendente di politica, giurisdizione, costumi, società”. Ma soprattutto fra i vari ritweet si trovano appelli delle ‘Sentinelle in piedi’, schierati a favore della famiglia ‘tradizionale’ e contro l’insegnamento della parità di genere a scuola.

“Mi limito ad osservare che il giudice avrebbe dovuto astenersi e che bisognava evitare di assegnare proprio a lui questa sentenza. Una sentenza che critichiamo nei contenuti – sottolinea Sangalli – e porteremo la questione davanti alle Corti europee”. “La sentenza – sostengono gli avvocati di Rete Lendford – avvocatura per i diritti Lgbti – si pone in aperto contrasto con le pronunce della Corte di Cassazione sulla validità dei matrimoni contratti all’estero ed arriva ad affermazioni gravi come quella per cui l’attribuzione al giudice ordinario del controllo sulla rettificazione degli atti di stato civile sarebbe contrario alle esigenze di certezza del diritto e creerebbe un sistema non controllabile da un’autorità centrale”.

La replica da parte del giudice non si è fatto attendere. “Ho solo applicato la legge in modo a-ideologico e rigoroso – ha detto -, lasciando fuori le convinzioni personali, che non hanno avuto alcuna influenza”.

“La revocabilità in via amministrativa degli atti di stato civile, così ritenuta dal Consiglio di Stato – sottolineano gli avvocati di rete Lendford – è una decisione che mette a rischio i diritti civili di ogni cittadino e stride con il principio di separazione dei poteri a cui gli ordinamenti democratici sono ispirati. La sentenza, inoltre, dimostra una preoccupazione eccessiva nei confronti della politica – sostengono i legali - laddove si pone un tema di ‘opportunità’ che non dovrebbe mai entrare in un’aula giudiziaria. Non condividiamo la decisione, né per i profili di diritto civile né per quelli di diritto amministrativo e riteniamo ci siano gli estremi – concludono gli avvocati della rete Lendford – per continuare a sostenere le ragioni del diritto e portare la questione anche davanti alla Corte Europea dei Diritti Umani”.

Arcigay – “Una sentenza che congela il diritto e tenta di renderlo impermeabile alla storia e ai suoi cambiamenti”. Flavio Romani, presidente di Arcigay, commenta così il pronunciamento dei giudici del Consiglio di Stato, chiamati ad esprimersi sull’annullamento delle trascrizioni dei matrimoni tra persone dello stesso sesso celebrati all’estero.

“Nelle motivazioni – sostiene Romani – si percepisce una resistenza culturale, e poi giuridica, a considerare le coppie di gay e di lesbiche al pari di tutte le altre. La sentenza, insomma, ha un retrogusto pilatesco, perché tenta di deresponsabilizzarsi rispetto a un tema cruciale; nel contempo però i giudici non dimenticano di sottolineare che è la politica ad essere la grande latitante e a non permettere al nostro Paese il passo avanti che renderebbe insindacabile il riconoscimento delle coppie formate da persone dello stesso sesso”.

“Per noi rimane tuttavia intatto il messaggio politico chiaro e coraggioso dato dai tanti sindaci che hanno voluto le trascrizioni: a loro continuiamo a dare il nostro pieno sostegno. E confermiamo il nostro appoggio anche alle coppie che hanno voluto sostenere questa battaglia: siamo certi che questa sentenza non fiaccherà la loro tenacia e che il cammino dei diritti, anche in questa Italia piena di contraddizioni, proseguirà imperterrito verso la sua meta”, conclude il presidente di Arcigay. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -