Germania: centinaia di “profughi” scomparsi. Non si sa chi siano e dove si trovino

Circa settecento di 4.000 richiedenti asilo  ospitati nello stato tedesco della Bassa Sassonia sono misteriosamente scomparsi ed ora, a causa di problemi amministrativi, le autorità locali non hanno idea di chi siano e dove si trovino.  (RT.com)

germania-profughi2

Le cifre da capogiro sono stati rivelate da funzionari locali al quotidiano Neue Osnabrücker Zeitung (NOZ). Dato che molti dei profughi non erano stati ancora registrati, non si sa nulla su di loro, né dove siano andati.

Alcuni hanno ipotizzato che gli immigrati sono partiti dalla provincia per ricongiungersi con i loro parenti o per cercare i luoghi più attraenti in cui stare in Germania o anche all’estero. Altri dicono che sono partiti perché scontenti dell’alloggio ritenuto non adeguato dai cosiddetti profughi.

Inoltre, i rifugiati sono spesso disorientati dopo il loro arrivo in Baviera. Timo Frers, portavoce per la città di Delmenhorst, Bassa Sassonia, ha detto “La maggior parte delle volte non sanno dove sono. Recentemente abbiamo messo una mappa di Germania in modo che possano orientarsi.

Secondo i funzionari locali, a Lingen, un’ora e mezza ad ovest di Delmenhorst, quasi la metà dei 212 immigrati inizialmente collocati nel centro profughi, si è allontanata verso località sconosciute poco dopo l’arrivo.

Funzionari tedeschi sono preoccupati la situazione attuale e sottolineano la necessità di registrare immediatamente tutti i migranti,  una volta entrati in Germania. Angelika Jahn, un portavoce per l’Unione cristiano-democratica (CDU), ha detto che il mancato rispetto di tale regola è “inaccettabile”.

Secondo il ministero federale del Lavoro, si prevede che circa 300.000 immigrati arrivati in Germania vogliono partire verso altri Stati europei.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -