Marò, l’India ha manomesso i documenti: rotte manipolate e tracce cancellate

 

Si apre un nuovo retroscena sulla vicenda dei due Marò. Secondo alcune indiscrezioni trapelate dalla lettura delle carte depositate ad Amburgo, alla cancelleria del Tribunale internazionale del diritto del mare, il governo indiano avrebbe manomesso la “scena del crimine”. A innescare nuovi dubbi sulla vicenda dei militari italiani, che si trascina da ormai oltre tre anni, è “Il Giorno“.

Scrive IL TEMPO Rotta, pallottolee autopsia, questi i nodi delle incongruenze legate a quanto accadde il 15 febbraio 2012, quando quei due pescatori furono uccisi al largo del Kerala.

maro

Traiettorie diverse Sulla base delle rotte (ossia 331 gradi la Lexie e 186 indicati dall’India per il Saint Antony) e delle velocità reali del cargo e del peschereccio (rispettivamente 14 e 8 nodi) i due natanti sarebbero passati a 920 metri di distanza l’uno dall’altra e non a circa 50 come sostiene la “Scena del crimine” depositata nell’allegato numero 48. Il quadro potrebbe ribaltare la vicenda. A una distanza di quasi un chilometro difficilmente i fucilieri avrebbero potuto colpire i pescatori.

Il giallo dei proiettili Le pallottole dei due marò erano lunghe 23 millimetri e si sarebbero accorciate in seguito all’impatto con il tessuto osseo dei due pescatori. Ma le verifiche effettuate non danno certezze in materia, come se lo scopo delle indagini fosse stato quello di confermare la tesi della colpevolezza dei due fucilieri. D’altra parte, anche gli orari non coincidono. Ufficialmente l’assalto sventato alla Lexie risale alle 16,30 del 15 febbraio, orario che noi coincide in realtà con quello di cui parla il comandante del peschereccio, il Saint Antony, che dichiarò a suo tempo che la sparatoria risale alle 21,30.

Tracce cancellate L’ultimo nodo riguarda invece la questione dell’imbarcazione dei pescatori: il 23 giugno 2012 infatti il Saint Antony viene fatto colare a picco e salvato in extremis. Dissequestrato dalla magistratura, doveva essere conservato. Ma l’imbarcazione venne smontata e l’acqua aveva già invaso il vano macchine. Recuperato troppo tardi, senza più tracce di polvere da sparo, l’imbarcazione non può più dare informazioni utili alle indagini.

L’esame autoptico Il professor Sasikala parla di proiettili molto diversi da quelli in dotazione ai marò. Ma il perito balistico Nisha assicura che le pallottole partirono “da fucili calibro 5 e 56 ad alta velocità, dall’alto verso il basso e da grande distanza”. L’ipotesi è che si arrivi a questa conclusione (la perizia è del 19 aprile 2012) in questo modo: i sequestri della petroliera Lexie si concludono il 25 febbraio, secondo quanto si legge sulle carte depositate dall’India. Quindi, c’è tutto il tempo per sparare usando i mitra dei marò e recuperare i proiettili. Peccato che nel Kerala non sappiano che regola della marina italiana è che ogni fuciliere ha una sua arma individuale e non di reparto. I colpi fatali non arrivano quindi dai mitra dei due marò, ma da quelli di altri ufficiali.



   

 

 

1 Commento per “Marò, l’India ha manomesso i documenti: rotte manipolate e tracce cancellate”

  1. Si ma sta storia del Governo Italiano e diventato come il Pesce se non lo metti in frigo più sta e più puzza, questi Indiani stanno facendo il bello e cattivo tempo con il Governo Incapace da allora del Napoletano,Monti, e i vari partiti politici, ed ora ricomincia la tarantella, voglio Ricordare la Nato dove sta e con chi sta, l’UE idem con patate, e una vera Vergogna che una Nazione non e ancora riuscita a difendere i suoi cittadini e allucinante e Vergognoso.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -