Condanna per razzismo, la Valandro fa ricorso a Strasburgo

valandro_kyenge

comunicato stampa

La Sig.ra Valandro Dolores, tramite il suo legale di fiducia avvocato Massimiliano Nicolai di Ravenna, ha presentato ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo a Strasburgo per ottenere l’annullamento della sentenza di condanna ( mesi 13 di reclusione, pena sospesa) del Tribunale di Padova, confermata in Cassazione, per i motivi sotto riportati.
1) insussistenza dei motivi razziali, in quanto nell’espressione utilizzata dalla Valandro non vi sono riferimenti alla etnia e/o nazionalità e/o religione e/o razza e/o colore della pelle dell’ex Ministro Kyenge.
2) inoffensività della espressione utilizzata dalla Valandro, in quanto non idonea in concreto ad istigare la commisione di atti di violenza sessuale.
3) violazione dell’art.6 comma 1 e comma 2 della Convenzione Europea per i diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, in quanto la Valandro è stata presunta colpevole e non presunta innocente fino a prova contraria ( mai fornita dalla Pubblica Accusa).

AVV. MASSIMILIANO NICOLAI



   

 

 

1 Commento per “Condanna per razzismo, la Valandro fa ricorso a Strasburgo”

  1. Ma quello che faceva la Kyenge con lo striscione con scritto ESSERE CLANDESTINI NON E’ REATO invece a me è sembrato di sia ancora reato, nessuno ha detto nulla specialmente quelli del PD, e che dire ancora del MINISTRO KYENGE AL CENTRO BENESSERE CON
    LA SCORTA DI DUE VOLANTI COMPRESO DI LAMPEGGIATORI SE NON ERRO, ma quanto sono bravi questi e queste Politici del PD, più tosto VxxxxxxxxxxI BxxxxxxI e FxxxI.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -