Blair: Saddam si sarebbe comportato come Assad se non lo avessimo rimosso

E’ la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti che decide chi deve governare. La conferma arriva da Tony Blair.

 

Blair

Saddam Hussein si sarebbe comportato come il presidente siriano Bashar Assad e si sarebbe rivalso brutalmente contro il suo popolo se non fosse stato rimosso dal potere dalla coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti. Lo ha detto l’ex primo ministro britannico Tony Blair, in un editoriale sul sito web di Cnn, affermando che secondo lui la storia sarà “più equilibrata nel suo giudizio” di agire rispetto a quanto lo siano stati i critici della guerra in Iraq.

Blair, che in un’intervista a Cnn nel fine settimana si è scusato per alcuni aspetti della seconda guerra del Golfo fra cui i fallimenti nel pianificare a dovere il dopo-Saddam, ha dichiarato di comprendere “la rabbia e l’ansia” provocate dal conflitto. Non è stata compresa “la piena dimensione dell’estremismo di fondo e della relativa violenza” scatenata dal crollo del regime, ha spiegato ancora Blair, aggiungendo che la Primavera araba del 2011 ha dimostrato “quale fosse la vera scelta del Medioriente, una scelta di riforma e rivoluzione”. (Come se non sapessimo come e da chi sono state organizzate le FALLITE PRIMAVERE ARABE!!, ndr)

Se Saddam fosse stato al potere durante la Primavera araba, “sarebbe stato difficile pensare che non si sarebbe diffusa in Iraq” e, come successo con Assad, “è possibile che Saddam Hussein avrebbe cercato di restare al potere in qualunque modo, indipendentemente da quanto fosse brutale”, ha detto Blair. (LaPresse/PA)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -