Siria, ribelli moderati filo-USA: “No alle elezioni, No al dialogo con Assad”

Le fazioni dei ribelli siriani moderate e filo-occidentali hanno respinto a stretto giro le aperture venute oggi dal ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov che, oltre a esortarli a dialogare con il regime di Bashar al-Assad per preparare nuove elezioni, si e’ spinto fino a offrire loro il sostegno della propria Aviazione contro le milizie jihadiste dello Stato Islamico, nemico comune.

ribelli-siriani

“La Russia bombarda il Libero Esercito Siriano, e adesso vorrebbe collaborare con noi, pur rimanendo legata ad Assad? Non la capiamo proprio!”, ha ribattuto il tenente colonnello Ahmad Saoud, portavoce della Divisione 13, una delle formazioni insurrezionali raccolte appunto sotto l’egida del Libero Esercito, citato espressamente da Lavrov.

Dello stesso avviso Samir Nashar, esponente del Consiglio Nazionale Siriano, parte a sua volta della Coalizione Nazionale Siriana, principale cartello delle forze di opposizione e contraltare politico del Libero Esercito: “Invece di parlare della loro disponibilita’ di sostenerci, dovrebbero smetterla di bombardarci”, ha ribadito Nashar. “L’80 per cento delle loro incursioni aeree prendono infatti di mira noi”.

tipico ribelle moderato

tipico ribelle moderato

RIBELLE MODERATO uccide un soldato di Assad, gli strappa il cuore e lo mangia  >>>

Quanto alla proposta di Mosca per l’allestimento di elezioni parlamentari e presidenziali, l’oppositore siriano l’ha liquidata come “assurda”, accusando il Cremlino di puntare ad “aggirare le richieste del popolo della Siria affinche’ Assad esca di scena”. Per Nashar semplicemente “i russi ignorano quello che succede davvero sul terreno, con milioni di persone sfollate all’interno e all’esterno del nostro Paese, e citta’ distrutte ogni giorno”.

Quindi, ha tagliato corto, “in circostanze del genere di quali elezioni vanno ciarlando?”. Le ultime presidenziali si sono tenute nel giugno dell’anno scorso con una schiacciante vittoria di Assad, confermato in carica, ma sono state giudicate irregolari tanto dall’opposizione quanto da gran parte della comunita’ internazionale. Per il rinnovo del Parlamento non si e’ piu’ votato dal maggio 2012, e in teoria sarebbe previsto un ritorno alle urne nel 2016. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -