Gentiloni: contro l’efferatezza dell’Isis usare l’arma del diritto

 

Di fronte alle nuove sfide per la sicurezza e contro “l’efferatezza dei delitti” compiuti dall’Isis, oltre all’azione militare serve “rispondere promuovendo la consapevolezza dell’emergenza umanitaria e della necessità dell’uso dell’arma del diritto” e “la cultura del multilateralismo“.

gentiloni-isis

Lo ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, intervenendo alla conferenza sul Diritto internazionale umanitario e i conflitti moderni, organizzata presso la Scuola Ufficiali Carabinieri e aperta dal Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, gen. Tullio Del Sette.

“Ci troviamo di fonte a una vera e propria emergenza umanitaria che impressiona anche per l’efferatezza dei delitti e dei crimini che molto spesso hanno come bersaglio i soggetti più deboli: i bambini, le donne, le minoranze religiose. Una situazione che è particolarmente drammatica in Medio Oriente a causa dell’estremismo terrorista di Daesh, in particolare in Siria. Ma Daesh è solo la minaccia più visibile e insidiosa”, ha sottolineando Gentiloni citando tra le altre sfide “la proliferazione di gruppi armati non statuali, il controllo del territorio da parte di gruppi terroristici, gli attacchi cybernetici”.

“La diplomazia e la cooperazione tra gli Stati è il primo rimedio – ha concluso -, non sempre risolutivo, ma è il rimedio a cui guardare, con il ruolo dell’Europa e la responsabilità di ciascun singolo Stato, come il nostro”. (ANSA).



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -