Migranti protestano chiedendo cibo etnico, Zaia: allora non fuggono dalla fame

Condividi

 

“Il prefetto di Vicenza li accontenti: se rifiutano la nostra pastasciutta e vogliono cibo etnico, siano rimandati immediatamente a casa loro dove evidentemente il pane non manca”.

Così il presidente del Veneto,Luca Zaia, sulla protesta dei migranti che, nel vicentino, hann omanifestato disagio per il freddo nella struttura e per i pasti serviti loro. “Chi rifiuta il cibo che gli viene offerto – diceZaia – non scappa da fame o miseria, e non ha la voglia di accettare la nostra cultura”.

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Migranti protestano chiedendo cibo etnico, Zaia: allora non fuggono dalla fame”

  1. Razzisti!Che siano immediatamente accontentati!Subito ostriche,caviale,aragosta,champagne e vini pregiati alle risorse!
    Ce lo chiede l’Europa e poi è una questione di civiltà!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -