Ucraina a rischio default, Kiev inizia il ritiro delle armi da zona Donetsk

 

L’esercito ucraino ha iniziato il ritiro dal fronte, nella zona di Donetsk, di carri armati, pezzi di artiglieria di calibro inferiore ai 100 mm e mortai di calibro inferiore ai 120 mm verso postazioni ad almeno 15 chilometri di distanza. Lo fa sapere il portavoce dello Stato maggiore delle forze armate di Kiev, Leonid Matiukhin. I separatisti di Donetsk hanno annunciato che inizieranno oggi il ritiro dei carri armati nel distretto di Novoazovsk, mentre cominceranno a ritirare le altre armi dal fronte domani.

Il Cremlino avverte Kiev: o ripaga il debito alla Russia oppure fa default

A inizio mese Kiev e i ribelli dell’autoproclamata repubblica di Lugansk hanno annunciato l’inizio del ritiro delle armi dal fronte nella zona di Lugansk come previsto da un accordo raggiunto il 29 settembre a Minsk dai rappresentanti del cosiddetto ‘Gruppo di contatto’ (Mosca-Kiev-Osce-separatisti) sul conflitto nel sud-est ucraino. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -