Ragazzo down picchiato sul bus, identificato l’aggressore: è un romeno

 

È stato identificato e denunciato dai carabinieri l’uomo che aggredì il ragazzo down su un bus al capolinea di piazza Vittorio Veneto. Si tratta di un romeno di 45 anni abitante in Val Polcevera, disoccupato e con precedenti di violenza.

L’aggressione avvenne nel pomeriggio di lunedì 5 ottobre su un bus Amt della linea 20 fra l’indifferenza dei passanti, come denunciò l’autista che era alla guida del mezzo pubblico.

A mettere gli uomini della compagnia di Genova Sampierdarena sulle tracce dell’uomo sarebbero state le testimonianze dei passeggeri e dell’autista dell’autobus, che avrebbero consentito di tracciare un identikit abbastanza accurato da risalire alla sua identità: tra i dettagli citati dai testimoni, un giubbotto verde e un borsone che sarebbero effettivamente stati ritrovati in possesso del 45enne.

I fatti risalgono al pomeriggio di lunedì 5 ottobre, quando sotto gli occhi dei passeggeri del bus, partito dalla Foce e diretto a Sampierdarena, l’uomo avrebbe incominciato a minacciare e insultare un 26enne diversamente abile colpevole di canticchiare a voce alta. Poco prima di via Buranello era arrivata l’esplosione di violenza, con un pugno in pieno volto ai danni del giovane. Poi, la fuga indisturbato nelle vie del quartiere.

genovatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -