Svezia: in 6 giorni incendiati tre centri destinati ai “profughi”

Una serie di presunti attacchi incendiari ha colpito tre impianti destinati ad accogliere i richiedenti asilo in Svezia questa settimana. Quest’anno il paese si prepara a ricevere quasi il doppio della quantità di rifugiati rispetto al record precedente, stabilito nel 1992.  (RT.com)

Un vecchio edificio scolastico ad Onsala, nella zona ricca di Kungsbacka, circa 30 km a sud di Goteborg, ha preso fuoco nella notte di Sabato. Venti i vigili del fuoco hanno risposto alla chiamata di emergenza.

“La metà l’edificio è stato danneggiato da un incendio”, ha detto Mikael Lindgren, l’operatore principale dei servizi di emergenza in Greater Göteborg, come citato da The Local.

svezia-centro-profughifoto © Johan Nilsson / Reuters

L’ultimo incendio è avvenuto appena un giorno dopo quello della scuola a Smaland, che doveva essere utilizzata per accogliere i rifugiati, ma è andata distrutta.

Martedì scorso un edificio ad Arlov Scania è stato gravemente danneggiato da un altro incendio. L’incidente è avvenuto un giorno prima della sua prevista apertura.

Svezia: 14 miliardi di dollari l’anno per l’immigrazione, uno Stato fallito

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -