Rapporto shock: ecco come i droni USA colpiscono i civili

droni

 

L’inchiesta pubblicata da “The Intercept” (lo stesso dello scandalo Datagate) spiega come il Pentagono procede agli attacchi con gli aeromobili. Le rivelazioni sono state fatte da un “nuovo Snowden”

22:42 – Civili nel mirino dei droni Usa. Un dossier lunghissimo pubblicato da “The Intercept” svela i segreti del programma droni statunitense grazie alle rivelazioni di una fonte anonima dell’intelligence.

L’inchiesta in 8 parti s’intitola “The drone papers” e svela i meccanismi con cui il Pentagono procede agli attacchi con gli aeromobili.

Il nuovo Snowden ha voluto parlare “perché i cittadini hanno il diritto di comprendere il processo con il quale si decide che qualcuno deve morire”. Nella lista dei terroristi da eliminare con i droni finiscono però anche i civili, rivela infatti l’inchiesta.

I dossier e le diapositive provengono da una fonte dell’intelligence americana,  svelano i meccanismi con cui il Pentagono procede agliattacchi con i droni. Come decide che qualcuno deve morire, chi lo decide, perché. Mentre l’amministrazione Obama ha sempre sostenuto, che ” gli attacchi sono mirati”, che non colpiscono civili, i documenti dicono che non è così. Civili non meglio identificati finiscono nelle liste dei terroristi da eliminare, per motivi apparentemente icomprensibili.

Ecco perchè bisogna rifiutare assolutamente i droni USA a Sigonella



   

 

 

1 Commento per “Rapporto shock: ecco come i droni USA colpiscono i civili”

  1. siamo sotto una coltre di merda, la vita vale meno di un tozzo di pane secco.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -