Guerra Georgia 2008, tribunale de L’Aia apre un’inchiesta contro la Russia

tribunale-aia

Il Tribunale penale internazionale de L’Aia contro i crimini di guerra aprira’ un’inchiesta sui presunti abusi commessi dalla Russia e dalla Georgia nella guerra del 2008. Lo rende noto il procuratore Fatou Bensouda, al termine di un’inchiesta preliminare sui fatti. Il Tribunale indaghera’ sui crimini contro l’umanita’ commessi dalle forze russe, georgiane e dai miliziani filorussi dell’Ossezia meridionale.

Verra’ preso in esame il periodo dal primo luglio al 10 ottobre 2008. Nella notte tra il 7 e l’8 agosto il Presidente georgiano filo occidentale, Mikheil Saakashvili, lancio’ un’offensiva contro l’Ossezia meridionale, separatista.
Intervennero i russi, che vinsero la guerra e dichiararono l’Ossezia meridionale indipendente, insieme all’Abkhazia. Le due regioni insieme rappresentano circa il 20% del territorio georgiano. I procuratori del Tribunale dell’Aia ritengono che gli sfollati georgiani furono tra 13.400 e 18.500. Le case distrutte 5mila. I georgiani uccisi tra 51 e 113. I miliziani filorussi dell’Ossezia meridionale – dice Bensouda – diedero mostra di “particolare crudelta’”. La Russia non riconosce il Tribunale Penale internazionale de L’Aia.(AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -