Assisi: “nuovi italiani” minorenni chiamano il 113 inneggiando al jihad

 

Erano le ore 12.30 di qualche giorno fa quando è giunta al 113 da Assisi una chiamata che in arabo evocava generiche minacce di matrice jihadista. Sono stati immediatamente rafforzati i dispositivi di sicurezza presso i siti sensibili ed si è intensificata l’attività di controllo e perlustrazione del territorio.

ius-soli

Nel contempo è stata avviata una specifica e una capillare attività info investigativa volta all’individuazione degli autori della chiamata. I primi accertamenti posti in essere permettevano di chiarire che la telefonata era stata effettuata da un punto di telefonia pubblica di Santa Maria degli Angeli.

Grazie anche alla collaborazione della locale Polizia Municipale, gli agenti del Commissariato di Assisi, coordinati dal Dirigente Francesca D. Di Luca, sono riusciti ad estrapolare ogni immagine utile dal sistema di videosorveglianza urbana dell’area, recentemente potenziato, che in maniera capillare effettua il monitoraggio dei punti maggiormente affollati.

Piacenza, bambina sgridata minaccia: “Mio padre è dell’Isis, fa saltare la scuola”

Dall’analisi dei filmati è stato possibile infatti constatare con tutta evidenza chi si era reso protagonista del gesto sconsiderato; occorreva adesso dare un nome ai volti dei due ragazzi che, una volta scesi da un autobus di linea che li riportava a casa dalla scuola, si avvicinavano alla cabina telefonica ed effettuavano la chiamata per poi allontanarsi subito dopo.

Grazie all’attività d’indagine avviata e alle fonti investigative attivate, è stato possibile nel giro di pochissimo tempo dare un nome e cognome ai due giovani ripresi dalla telecamere: due giovanissimi di Assisi, un 13enne e un 14enne, entrambi cittadini italiani ma di origine maghrebina, da tempo residenti in zona.

Rintracciati dai poliziotti, i due ragazzi hanno dichiarato di aver voluto semplicemente fare uno scherzo, inconsapevoli dell’allarme che avevano procurato. Gli agenti hanno comunque avviato ulteriori verifiche che sinora non hanno portato a riscontri su ulteriori progettualità delittuose. Per i due adolescenti è scattata la denuncia al Tribunale per Minorenni per il reato di procurato allarme.

perugiatoday.it



   

 

 

1 Commento per “Assisi: “nuovi italiani” minorenni chiamano il 113 inneggiando al jihad”

  1. NON è RAZZISMO DEFINIRLI BARBARI. … … DA ACCOGLIERE.???
    MI SI DICA NEL MONDO QUANRI CRISTIANI ASSOCIAZIONE VARIE SI SON PRODIGATI A DISTRUGGERE I LORO LUOGHUII DI CULTO E LE LORO EREDITà ATAVICHE. ???
    DI QUALE INTEGRAZIONE PARLATE.??? – O NON VEDETE LA REALTà DELLE COSE O VEDETE SOLO IL V/PROFITTO.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -